Economia

Il rischio di ricorsi per i Navigator (ma intanto arriva il software di Parisi…)

Due ricorsi sono stati già vinti da due avvocate di Catania e Reggio Calabria: i giudici hanno ordinato ad Anpal Servizi di ammetterle con riserva al test

luigi di maio navigator reddito di cittadinanza - 7

I Navigator per il reddito di cittadinanza potrebbero movimentare ulteriormente la vita del governo gialloverde.  I 24.881 esclusi potrebbero essere tentati dal ricorso. Due ricorsi, spiega oggi Valentina Conte su Repubblica, sono stati già vinti da due avvocate di Catania e Reggio Calabria: i giudici hanno ordinato ad Anpal Servizi di ammetterle con riserva al test perché distorsivo il criterio della loro esclusione, basato solo sul voto di laurea differenziato per territorio: con 105 potevi essere fuori a Palermo, non a Torino.

Il rischio di ricorsi per i Navigator (ma intanto arriva il software di Parisi…)

Loro l’esame l’hanno fatto e adesso aspettano la valutazione. Ma il rischio che qualcun altro si svegli successivamente e costringa il governo a riaprire le graduatorie per i 2980 vincitori potrebbe portare a dover rinviare ancora la discesa in campo di quelli che dovrebbero trovare lavoro ai percettori del reddito di cittadinanza. Il tutto accade mentre manca ancora il decreto attuativo per i lavori di pubblica utilità, 16 ore alla settimana secondo la legge, che avrebbero dovuto svolgere i percettori del reddito di cittadinanza. La norma attuativa con la quale il governo avrebbe dovuto fissare le linee guida che poi i Comuni avrebbero dovuto seguire non c’è: il decreto dà tempo fino a settembre.

navigator reddito di cittadinanza
I navigator del reddito di cittadinanza (La Repubblica, 9 maggio 2019)

Non c’è ancora il decreto sui controlli anagrafici, sempre a carico dei Comuni, che pure dovrebbe essere in dirittura d’arrivo. È un provvedimento importantissimo per evitare truffe e raggiri. Per dire, nessuno finora ha potuto verificare se chi ha chiesto il sussidio è residente in Italia da almeno dieci anni, di cui gli ultimi due in modo continuativo, come previsto dalla legge.Ci si è dovuti accontentare delle autocertificazioni. E manca anche il decreto che consente di scambiare i dati tra le diverse piattaforme per capire chi, tra chi ha presentato domanda, deve essere preso in carico dai centri per l’impiego per essere aiutato a trovare un nuovo lavoro e chi invece deve seguire il percorso dei servizi sociali comunali perché ha bisogno di un aiuto diverso.

Il software di Parisi all’ANPAL e Invitalia

Ma per fortuna invece procede a gonfie vele l’implementazione del software di Mimmo Parisi all’ANPAL grazie a Invitalia. L’Anpal – Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro – guidata dall’italo-americano Mimmo Parisi affiderà a Invitalia il compito di sviluppare il software in grado di incrociare la domanda e l’offerta di lavoro. E dunque trovare un posto a quanti prendono il reddito di cittadinanza. Un intreccio complicato e non privo di ombre.

reddito di cittadinanza app mississippi
Luigi Di Maio con le slide di Parisi sul reddito di cittadinanza (Il Fatto, 25 ottobre 2018)

Parisi, docente di demografia nato ad Ostuni e richiamato in Italia dal ministro Di Maio per reclutare i navigator e impostare le politiche attive abbinate al reddito, è in odore di conflitto di interessi. Visto che ha creato analogo software per il centro di ricerca Nsparc, da lui diretto, della Mississippi State University di Starkville.

Leggi anche: Come la RAI sovranista perde ascolti (e il M5S non conta nulla)