Economia

I controlli che mancano al reddito di cittadinanza

reddito di cittadinanza consumi - 3

Dopo la storia dei dieci operai che lavoravano in nero e prendevano il reddito di cittadinanza, Lorenzo Salvia sul Corriere della Sera spiega che manca ancora il decreto attuativo per i lavori di pubblica utilità, 16 ore alla settimana secondo la legge, che avrebbero dovuto svolgere i percettori del reddito di cittadinanza. La norma attuativa con la quale il governo avrebbe dovuto fissare le linee guida che poi i Comuni avrebbero dovuto seguire non c’è: il decreto dà tempo fino a settembre ma intanto l’esecutivo ha altre priorità e anche i Navigator non sono ancora attivi. Non è l’unico problema di un governo che ha promesso norme anti-divano salvo lasciare tutti sul divano:

Non c’è ancora il decreto sui controlli anagrafici, sempre a carico dei Comuni, che pure dovrebbe essere in dirittura d’arrivo. È un provvedimento importantissimo per evitare truffe e raggiri. Per dire,nessuno finora ha potuto verificare se chi ha chiesto il sussidio è residente in Italia da almeno dieci anni, di cui gli ultimi due in modo continuativo, come previsto dalla legge.

Ci si è dovuti accontentare delle autocertificazioni. E manca anche il decreto che consente di scambiare i dati tra le diverse piattaforme per capire chi, tra chi ha presentato domanda, deve essere preso in carico dai centri per l’impiego per essere aiutato a trovare un nuovo lavoro e chi invece deve seguire il percorso dei servizi sociali comunali perché ha bisogno di un aiuto diverso.

reddito di cittadinanza controlli
Le tappe del reddito di cittadinanza (Corriere della Sera, 16 giugno 2019)

Finora, in sostanza, il reddito di cittadinanza si è limitato a distribuire soldi senza chiedere (quasi) nulla in cambio. E tra poco all’INPS assumeranno un altro migliaio di persone per gestire le pratiche.

Leggi anche: Whirlpool, la lettera che smentisce Di Maio