Opinioni

Lo scienziato che credette a Stamina a capo della Ricerca Europea

Mauro Ferrari è stato nominato presidente dell’European Research Council.  La sua nomina viene festeggiata dalla Lega e dal ministro dell’Istruzione Marco Bussetti. Ma, racconta oggi Elena Dusi su Repubblica, nel 2014 aveva fatto rabbrividire i colleghi per aver usato parole di apprezzamento per Stamina. «È il primo caso importante di medicina rigenerativa in Italia» aveva detto in tv a Le Iene, la trasmissione che tanto si spese per promuovere il bluff fra gli italiani.

Ferrari si era espresso il 22 gennaio 2014, all’indomani della sua nomina a presidente del comitato che a Stamina avrebbe dovuto dare una valutazione scientifica. A sceglierlo era stato l’allora ministra della Salute Beatrice Lorenzin, sotto accusa per non aver saputo arginare un metodo che sempre più si stava rivelando truffaldino.

Stamina, senza fondamento medico, prevedeva l’infusione di cellule staminali in pazienti perlopiù bambini colpiti da gravi malattie del sistema nervoso. Era stato promosso dallo psicologo Davide Vannoni. L’ondata di protesta per le parole di Ferrari, con una lettera di diversi scienziati alla rivista internazionale Nature, aveva costretto la ministr a fare marcia indietro sul suo nome.

mauro ferrari

All’epoca Ferrari era gradito anche alla ministra della Salute Lorenzin: «L’esame delle professionalità individuate mi ha permesso di elaborare uno schema di decreto istitutivo di un Comitato composto dal professor Mauro Ferrari in qualità di presidente (CEO dello Houston Methodist Research Institute, vice presidente esecutivo dello Houston Methodist Hospital e professore presso la Cornell University), e da altri esperti di cellule staminali stranieri ed italiani: Sally Temple, Curt R. Freed, Vania Broccoli, Francesco Frassoni, Carlo Dionisi Vici e Antonio Uccelli. I nominativi dei summenzionati esperti sono stati resi noti, prima ancora della formale adozione del provvedimento di nomina, con un comunicato stampa». Oggi è il giorno del suo trionfo.

Leggi anche: Matteo Salvini torna a giocare con lo spread