Fact checking

Libero, i sovranisti e gli insulti a Giuliana Galli, la suora delle Sardine

Il quotidiano diretto da Vittorio Feltri l’ha già soprannominata “Suor Sardina” e ha già scoperto che dietro ci sono i poteri forti. I patridioti – quelli che non hanno aperto bocca quando Salvini sventolava vangeli e rosari in piazza – sono scandalizzati: una suora in piazza? Perché non pensa ai presepi, ai crocifissi, a Bibbiano???

suor giuliana galli sardine libero - 15

«Mi piace la trota, mi piace il salmone, mi piace il tonno e mi piacciono anche le alici, e anche le SARDINE: E a voi?». È bastato questo post per far scoprire ai più l’esistenza di suor Giuliana Galli, per tutti la suora che sta con il movimento delle sardine. E non una suora qualsiasi, visto che è l’ex vicepresidente della Compagnia di San Paolo (una delle più importanti fondazioni bancarie italiane) e oggi è la presidente e fondatrice della onlus Mamre, che si occupa di mediazione culturale e di fornire assistenza e sostegno a rifiugiati e donne vittime di violenza. I sovranisti, quelli che con Matteo Salvini affidano il Paese al Sacro Cuore Immacolato di Maria, non l’hanno presa benissimo.

Libero e la suora dei poteri forti che sta con la sinistra (come al solito)

Incredibile ma vero: uno dei leader dell’opposizione è uno che bacia rosari, giura sul Vangelo e ha una collezione sterminata di santini, un’altra è una che si sgola per affermare che lei «è cristiana». Eppure se una suora dice di essere pronta ad andare in piazza con le sardine di Torino allora apriti cielo. Suor Giuliana Galli però lo dice chiaramente come la pensa: «la mia disponibilità non è contro qualcuno, ma a favore di qualcosa. In questo momento penso sia il caso di sollecitare un nuovo modo di parlare, dire quello che si pensa senza menzogne e senza atteggiamenti sarcastici». E ancora «Queste dovrebbero essere le caratteristiche di questa ondata che, ripeto, io non intendo “contro” qualcuno, anche Salvini». Suor Giuliana è contro Salvini? No, e lo dice per ben due volte.

suor giuliana galli sardine - 1

Detto fatto, oggi Libero parla della sinistra che “si aggrappa a suor Sardina” e definisce Suor Giuliana “la monaca che ama banche e rifugiati” che ora si improvvisa militante “nelle piazze che odiano Salvini”.  Alessandro Giuli mette le cose in chiaro, Suor Giuliana non è una religiosa qualsiasi ma «una Suora di establishment e di potere, si direbbe piuttosto, e per capirlo basterebbe ricordare a quale persona subentrò nel 2010 al vertice dell’istituto bancario torinese: Elsa Fornero». Eccola servita la reductio ad Fornero, chiunque abbia qualche vicinanza con l’ex ministra è sicuramente il male assoluto (ma non risulta Suor Giuliana abbia votato la “legge Fornero”, al contrario di Giorgia Meloni).

suor giuliana galli sardine libero - 14
Fonte: Libero del 21/11/2019

Insomma: la sinistra non sa più a che santo votarsi e quindi sceglie la suora social che sta con quelli che non vogliono Salvini. Poco importa che l’arrivo di Suor Giuliana possa sancire una trasformazione del movimento delle sardine. Che fino ad ora si è distinto per l’opposizione alla Lega senza troppo curarsi di proporre contenuti alternativi alla propaganda sovranista (no, Bella Ciao, non vale come programma) e che prima o poi dovrà fare i conti con la mancanza di proposte.

Perché suor Giuliana non pensa al presepe e ai crocifissi nelle aule????

In fondo chi meglio di una suora che ha fondato un’associazione che si prende cura dei rifugiati dimostrando che è possibile aiutarli a casa nostra? Ma Suor Giuliana non è al momento né un idolo né un santino delle sardine. È una cittadina italiana che ha espresso – come tanti in questi giorni – il desidero di scendere in piazza a manifestare. A meno quindi di sostenere che le piazze appartengono solo a chi sventola rosari e si appella alla Madonna mentre parla dell’invasione di immigrati anche suor Giuliana, come del resto le altre “sardine”, ha il diritto di scendere in piazza.

suor giuliana galli sardine - 10suor giuliana galli sardine - 6

suor giuliana galli sardine - 8

Troppo semplice. In Italia c’è un disperato bisogno d’odio. E la suora buonista (ci sono anche suore cattiviste?) è il bersaglio perfetto. Ed ecco quelli che la invitano ad «andare a trovare le persone in ospedale o case di riposo» e che la definiscono «una ruffiana della sinistra». Mica come certi cardinali (i dottoroni della Chiesa, direbbero i sovranisti) che lodano Salvini.

suor giuliana galli sardine - 2

Lei su Facebook sembra prenderla con ironia. Ad una commentatrice che le fa notare che «non è bello che lei continui a fare politica ed in questo modo poi» (perché se facesse politica in altro modo, salviniano, sarebbe meglio) la religiosa risponde «davverooooo». Che suona un po’ come la versione monastica di ok boomer.

suor giuliana galli sardine - 4 suor giuliana galli sardine - 7

Ci sono poi ferventi cattolici che ci tengono a far sapere che non sono affatto d’accordo con il “papa/satana” (sappiamo che ai sovranisti sta più simpatico Benedetto XVI) o le suore che fanno politica. Persone che invece che avvicinare i fedeli a Dio li allontanano. Decisamente meglio andare a lezione di Catechismo da uno come l’ex ministro Lorenzo Fontana, che con molta modestia ha riscritto appena due millenni di esegesi evangelica.

suor giuliana galli sardine - 14 suor giuliana galli sardine - 12 suor giuliana galli sardine - 11

E tra inviti a “tornare a pregare” non potevano certo mancare le lamentele dei benaltristi. Quelli che dicono che Suor Giuliana dovrebbe occuparsi ad esempio delle suore che rimangono incinte, oppure degli anziani e dei bambini poveri (cosa che fa già). Invece che scendere in piazza Suor Giuliana dovrebbe pensare «al crocifisso tolto e al presepe calpestato», peccato che i crocifissi siano ancora lì e i presepi siano al sicuro. E allora ai bambini rubati di Bibbiano chi ci pensa? Altro che Sardine, i sovranisti hanno un lungo elenco di doglianze e di pensieri da fare appena svegli. E che li facciano pure. Ma non dicano agli altri a cosa devono pensare.

Leggi anche: Il sindaco di Biella ammette di essere stato un cretino su Liliana Segre ed Ezio Greggio