Opinioni

La querela annunciata da Laura Boldrini ad Alessandro Meluzzi

alessandrodamato|

alessandro meluzzi laura boldrini

Alessandro Meluzzi ha pubblicato stamattina questo tweet in cui si linka un articolo del sito di bufale Imola Oggi che attribuisce un pensiero piuttosto hard (diciamo) a Laura Boldrini: “Le decapitazioni dei cristiani secondarie rispetto alle sofferenze dei musulmani”. Nell’articolo, è inutile dirlo visto che è nota la tecnica di Imola Oggi, si riporta tutt’altra dichiarazione della Boldrini: «Per ogni occidentale decapitato – spiega la presidente della Camera durante un incontro con la stampa estera – ci sono migliaia di vittime musulmane: la comunità musulmana è quella che soffre di più, lì ci sono le prime vittime».

alessandro meluzzi laura boldrini

Ma la notizia è che è tornato in scena “il collaboratore di Laura Boldrini”, ovvero quello che chiese a Salvini per conto dell’ex presidente della Camera “Ma quando lavori?” in un tweet che all’epoca venne molto apprezzato.

alessandro meluzzi laura boldrini 1

Stavolta il collaboratore annuncia una querela per Meluzzi: “Meluzzi, sono un collaboratore di Laura Boldrini, che è occupata in Aula. La informo che la stiamo per querelare per la bufala che ha diffuso con il suo tweet”. Lo psichiatra era tra gli esperti del convegno su Bibbiano alla Camera andato in scena qualche giorno fa. Lì ha preso la parola per dire che c’è “un progetto mondiale per distruggere la famiglia”. Meluzzi è stato nominato vescovo e primate della Chiesa ortodossa; successivamente è stato nominato metropolita della Chiesa Ortodossa Italiana col nome di Alessandro I. Ha dichiarato di voler proclamare santi di questa Chiesa Gianni Baget Bozzo e Pierino Gelmini.

Leggi anche: Quel filo rosso che lega il sistema Bibbiano e il DDL Pillon