Opinioni

La Giunta Raggi è così: ti promette un miliardo e ti sconta due euro

Sembra ieri ma era soltanto l’ottobre del 2015 quando Luigi Di Maio prometteva un miliardo diconsi un miliardo di investimenti “in trasporti, scuole, strade, servizi sociali e tanto altro”. Una promessa che avrebbe dovuto essere mantenuta dall’allora Presidente della Commissione sulla Revisione della Spesa che oggi, dopo essere stato capo di gabinetto e vicesindaco, è soltanto, e non casualmente assessore allo Sport: Daniele FrongiaLuigi Di Maio favoleggiava degli sprechi e dei privilegi che il presidente della Commissione sulla Revisione della Spesa (Daniele Frongia) aveva trovato e di un miliardo di euro di spese inutili “da investire in trasporti, scuole, strade, servizi sociali e tanto altro”. Frongia, poi, sosteneva addirittura che potessero essere reinvestiti “nel giro di un anno” dopo le elezioni.

luigi di maio miliardo roma
Luigi Di Maio nel 2015 su Facebook

L’anno è passato ma non inutilmente. Perché è vero che del miliardo di Di Maio non si è visto nemmeno un euro così come è vero che gli investimenti nel bilancio del Comune appena approvato sono stati tagliati e non aumentati di un miliardo di euro. Però ieri Virginia Raggi ha fatto sapere che c’è una buona notizia: per il servizio più deficitario (eufemismo) fornito dalle controllate del comune di Roma, ovvero quello dell’immondizia, della pulizia delle strade e della cura dei giardini, per il secondo anno consecutivo si avrà un risparmio in bolletta, pari alla mostruosa cifra dello 0,73% per i cittadini e dello 0,93% delle imprese.

virginia raggi

Certo, la Raggi non segnala che quest’anno lo sconto è DIMEZZATO rispetto a quello dell’anno scorso né fa sapere che i decrementi dell’1,5% sono attivi dal 2015, quando ancora lei non amministrava la città. Come calcola il Corriere Roma, infatti, nel 2017 la diminuzione era stata dell’1,6%, è scritto sul sito di Ama e nella semestrale di Bilancio 2017 online. In pratica quest’anno una famiglia di 4 persone che vive in 70 metri quadrati risparmierà 2,5 euro su una tassa di 273 (il calcolo si può effettuare sul sito dell’azienda di proprietà del Comune), mentre    l’anno scorso aveva risparmiato circa 4euro rispetto al 2016. In pratica a farsi lo sconto sullo sconto è stata l’AMA, ma questi sono dettagli. Così come sono dettagli i giudizi del direttore dell’agenzia che monitora la qualità dei servizi di Roma (nominato dal M5S): «Roma è ridotta una vergogna e la sindaca è eterodiretta da Milano». Il punto, quello importante, è che ci sono due euro in più in tasca ai cittadini. E anche zio Paperone diceva che la strada per fare fortuna è quella di risparmiare un centesimo per volta. No?

Leggi sull’argomento: Così il Comune di Roma “dimentica” e taglia gli investimenti in trasporti e istruzione

Mario Neri

Mario Neri è uno pseudonimo. La foto di Cattivik che usa come immagine del profilo lo rappresenta pienamente