Opinioni

La fuga continua di Borgonzoni dai confronti con Bonaccini

Mario Neri|

lucia borgonzoni stefano bonaccini emilia-romagna

Lucia Borgonzoni ha detto qualche giorno fa a Libero che il motivo per cui non si fanno confronti tv con il suo rivale Stefano Bonaccini “bisognerebbe chiederlo a lui”. La situazione è curiosa perché Bonaccini, in vantaggio nei sondaggi, ha tutto da perdere da un confronto tv con la senatrice leghista. E invece, scrive il governatore sulla sua pagina facebook, è Borgonzoni che scappa dai confronti tv.

I confronti, poi, vanno fatti sui problemi concreti dell’Emilia-Romagna. Il quotidiano più diffuso a livello regionale ha proposto di farne uno, io ho accettato e tu hai rifiutato. Così come diverse televisioni locali hanno ricevuto da tempo la mia disponibilità, ma ancora nulla da parte tua: come mai? Mi è già capitato di partecipare a confronti con categorie socio-economiche ai quali eravamo stati invitati entrambi, ma ero presente solo io. Abbiamo fatto senza problemi un confronto televisivo su una Tv nazionale, adesso però è il momento dei progetti concreti. Tu vuoi discutere di partiti e alchimie politiche, io voglio parlare di Emilia-Romagna, perché è alla guida di questa Regione che ci siamo candidati. Scappi, forse? Non conosci abbastanza bene la regione che ti candidi a guidare? Altrimenti parliamone. Di Emilia-Romagna.

lucia borgonzoni stefano bonaccini emilia-romagna

L’uscita di Bonaccini arriva dopo che la candidata leghista ieri ha detto no alle dimissioni da senatrice che il governatore le aveva chiesto: «Il livello è da prima elementare — attacca lei —, Bonaccini piuttosto mi risponda sul perché le agende in sanità sono chiuse, perché ci sono liste d’attesa lunghissime, perché in agricoltura ci sono aziende che hanno aspettato due anni i fondi e perché non c’è un piano regionale di bonifiche, perché non utilizza i fondi del dissesto idrogeologico. Entriamo veramente un pochino nei temi e basta fare i bambini piccoli». «Dopo il faccia a faccia sulla Rai — dice la candidata della Lega —altre tv hanno chiamato sia Bonaccini che me. Ho detto sì a tutti, se non si è fatto devo supporre che qualcun altro abbia detto no. Se dall’altra parte ci fosse stato un sì alle stesse trasmissioni, ora staremmo qui a parlare non di uno, ma magari di due o tre incontri». Borgonzoni poi precisa di aver ricevuto una proposta per un confronto su Mediaset, un terreno che poteva esserle più congeniale.

borgonzoni bonaccini

Intanto il Resto del Carlino ha fatto sapere che è stata la Lega a scappare dal confronto fissato il 23 gennaio, ufficialmente per motivi politici. La stessa cosa è accaduta per un evento organizzato dalla CNA regionale, mentre le tv locali e Sky sono ancora in attesa di una risposta.

Leggi anche: Salvini prova a difendersi sulla Gregoretti portandosi dietro Conte e Di Maio