Attualità

Una nuova indagine su Armando Siri per i soldi a San Marino

ARMANDO SIRI

Nuovi guai giudiziari per l’ex sottosegretario Armando Siri, già coinvolto in inchieste a Roma e Milano. Il numero in edicola domenica dell’Espresso e già online su Espresso +, rivela che anche le autorità di San Marino indagano sugli affari del senatore. La nuova istruttoria, afferma il settimanale, riguarda due “prestiti di favore a elevato rischio” concessi da una banca dell’ex paradiso fiscale e caratterizzati da una doppia serie di “violazioni sistematiche” delle regole creditizie.

Una nuova indagine su Armando Siri per i soldi a San Marino

Siri era finito nei guai per l’acquisto di una palazzina a Bresso, poi intestata alla figlia, effettuata grazie a un mutuo concesso da una banca di San Marino. -In questo caso invece si tratta di 750 mila euro incassati da Siri tra ottobre e gennaio scorsi, quando era ancora sottosegretario delle Infrastutture, e altri 600 mila ottenuti appena tre mesi fa da un imprenditore a lui collegato.

armando siri palazzina bresso
La palazzina a Bresso

Secondo l’Espresso entrambi i finanziamenti bancari sono stati giudicati “contrari ai principi di sana e prudente gestione del credito” dagli ispettori della Banca Centrale di San Marino e dell’Agenzia anti-riciclaggio (Aif), che dopo sette mesi di verifiche e interrogatori riservati hanno deciso di denunciare tutto alla magistratura trasmettendo gli atti alla procura di Milano dove da alcuni mesi è già stata avviata una indagine sugli affari di Siri a San Marino.

Leggi anche: “Parlateci del carabiniere ucciso”: i patridioti oggi hanno un nuovo mantra