Opinioni

Il litigio nel M5S in Regione Lazio

Valentina Corrado contro Roberta Lombardi. La sfida delle Regionarie nel MoVimento 5 Stelle del Lazio, stravinta all’epoca dalla Faraona, si è riproposta oggi in via della Pisana a causa di una poltrona. La Corrado ha sfiorato l’elezione a consigliere segretario raggranellando 10 voti come Daniele Giannini, che però è stato eletto ai sensi dello Statuto perché più anziano d’età. Prima David Porrello era stato eletto vicepresidente dell’assemblea. La Corrado ha accusato la Lombardi: “La capogruppo non ha avuto per il segretariato lo stesso impegno che ha messo per la vicepresidenza. Si è dimostrata ancora una volta divisiva. Non escludo di presentare un ricorso dopo avere fatto delle verifiche giurisprudenziali: c’è una sola donna in ufficio di presidenza. È vero che ce n’era una sola anche nella passata legislatura, ma è altrettanto vero che oggi le donne elette sono molte di più”.

valentina corrado pomezia

La Corrado ha detto anche che “Bastava un voto, non cinque” per essere eletta e poi si è allontanata dai cronisti. La Lombardi, raggiunta nei corridoi della Pisana, ha replicato: “Sono dichiarazioni a cui non rispondo. Se la consigliera Corrado ha detto questo si assumerà la responsabilità delle sue azioni“. Successivamente, la Lombardi in una nota si è rallegrata con Porrello: “Siamo molto soddisfatti del risultato di oggi che ha portato alla vice presidenza del Consiglio il consigliere rieletto, Devid Porrello, stimato anche da tanti colleghi delle altre forze politiche. Una nomina che premia soprattutto la serietà di tutto il gruppo consiliare del MoVimento 5 Stelle e garantisce una rappresentanza adeguata ai tanti cittadini che ci hanno votato, portandoci ad essere la prima forza politica nel Lazio e in Italia”.

Leggi sull’argomento: Virginia Raggi e quella firma che manca al progetto Casale delle Arti per gli autistici