Politica

Il Comune sospende i pagamenti a Roma Multiservizi dopo il servizio delle Iene

Per tutta risposta l’azienda annuncia una decurtazione del 30% degli stipendi dei dipendenti. I sindacati sul piede di guerra

roma multiservizi stipendi comune

Il Comune di Roma sospende i pagamenti a Roma Multiservizi dopo il servizio delle Iene sulla raccolta differenziata. E per tutta risposta l’azienda annuncia una decurtazione del 30% degli stipendi dei dipendenti.

Il Comune sospende i pagamenti a Roma Multiservizi dopo il servizio delle Iene

La storia, che ha del surreale, viene certificata dalla lettera spedita ai sindacati e firmata dal Direttore Risorse Umane Pio Velardo: “In conseguenza di un servizio ‘giornalistico’ apparso in un canale televisivo a diffusione nazionale, i cui contenuti sono già stati smentiti da un comunicato della ns azienda, che sta procedendo anche ad adire alle vie giudiziarie a tutela della sua immagine, Committenti pubblici hanno sospeso immediatamente i pagamenti verso la Roma Multiservizi SPA, alcuni dei quali risalenti ad attività dello scorso aprile”.

comune di roma multiservizi le iene
La lettera di Roma Multiservizi ai sindacati (fonte)

“In ragione di quanto sopra esposto – prosegue la lettera – la nostra società dovrà procedere al pagamento dei prossimi stipendi, fermo restando la data del 15 ottobre c.m., nel limite del 70% di quanto computato”. L’unico committente pubblico di Roma Multiservizi è il Comune di Roma e quindi il riferimento al Campidoglio è chiaro. Ieri l’azienda si era difesa con un lungo comunicato in cui smentiva i contenuti del servizio delle Iene sulla raccolta differenziata.

Roma Multiservizi e la sospensione degli stipendi

La parte curiosa della vicenda è che AMA Roma invece non aveva arguito nulla di quanto sostenuto da RM nella replica e che non si diceva una sola parola sulla chat tra dirigenti e dipendenti vista nel servizio di Filippo Roma. Nel testo della chat si leggeva: “Ci confermate che possiamo e dobbiamo sparare attività commerciali chiuse o in ferie? Perché girano i controlli dell’AMA e non vogliamo passare dei guai…”. Nel comunicato di Roma Multiservizi si sosteneva: “il badge serve per tracciare il passaggio presso tutti i punti di ritiro previsti. Da qui anche l’invito agli operatori a registrare sempre e puntualmente il passaggio da parte dei coordinatori del servizio, anche in caso di assenza di rifiuto, così come previsto dai documenti di gara; non corrisponde al vero che gli operatori non raccolgono i rifiuti, i dati ufficiali di raccolta nei 10 mesi di servizio riportano dati importanti e certificati”. Se è tutto in regola perché il dipendente ha paura dei controlli dell’AMA? E perché il dirigente non glielo spiega?

ama roma multiservizi virginia raggi teodoro fulgione 3

Intanto la procura di Roma ha aperto un’inchiesta sulla vicenda. Si ipotizza una truffa ai danni del Comune di Roma.

Leggi anche: Le Iene, la grande truffa della differenziata non raccolta e Virginia Raggi che scappa