Opinioni

I deputati M5S sospesi alla Camera

Undici ‘cartellini rossi’, con sospensione dai lavori in Aula da 3 a 6 giorni, tutti nei confronti di altrettanti deputati M5S. Si chiude cosi’, dal punto di vista disciplinare, la bagarre scatenata proprio dai 5 Stelle per protestare contro il dlgs sui mutui casa, nel corso del ‘question time’ di ieri. E’ la decisione dell’Ufficio di Presidenza della Camera con cui trova prima applicazione, viene spiegato, la norma prevista per punire con la sospensione anche l’esposizione di cartelli in Aula, infrazione altrimenti non cosi’ grave. E’ il fatto che la protesta sia attuata nel corso di una seduta con diretta tv, come appunto accade per un ‘question time’, ad aver determinato una stretta regolamentare, in seguito alle determinazioni di un Ufficio di presidenza del 27 ottobre. Nel dettaglio e’ stata dunque irrogata la censura con interdizione dal partecipare ai lavori in Aula per 3 giorni ai deputati Alberti, Cariello, De Rosa, Sorial, Tripiedi, Di Stefano Manlio, Toninelli, Villarosa. La sanzione sale a 6 giorni di sospensione per Bianchi Nicola, Brugnarotto e Della Valle.
casanonsitocca

Leggi sull’argomento: #lacasanonsitocca: il M5S okkupa la commissione finanze