Politica

Beppe Grillo contro Salvini sul Fatto

beppe grillo contro salvini fatto

Beppe Grillo scrive una lettera al Fatto Quotidiano in cui attacca Matteo Salvini, alleato di governo del MoVimento 5 Stelle, partendo dalla foto del ministro dell’Interno con il mitra e del suo “garzone mediatico”, ovvero Luca Morisi:

In generale: Salvini con un mitra in mano è uno sviluppo di Salvini vestito da poliziotto o altra forza armata. Nulla quindi di nuovo cuoce in pentola. In particolare: se teniamo conto del fatto che la foto è un’iniziativa del garzone mediatico, qualcosa resta da dire, e non di scarso momento. Il garzone social-mediatico sa che il suo soggetto vive un forte senso di inadeguatezza: uno che diventa ministro dell’Interno in Italia – regno della criminalità organizzata –ma parla solo di immigrati, ovviamente ha paura delle vere sfide che il ruolo gli porta a competenza.

In questo particolare aspetto ha dalla sua quasi tutto il popolo italiano, abituato a fingere di non sapere che Mafia, Camorra e ’Ndrangheta esistono anche se il ministro dell’Interno non ne parla. Il Paese convive con questi fenomeni da moltissimo tempo e non vuole “fare l’eroe”, ma neppure ci tiene a essere rappresentato come codardo.

Conclusioni. Probabilmente l’assistente mediatico in questione è l’unico a ricordarsi che il Matteo è ministro, in particolare dell’Interno, e coglie appena può l’occasione per appendere un paio di attributi finti al Carroccio, in linea con moltissima parte del popolo italiano: non vedere ma ostentare, non sapere ma parlare. “Una sagra della polenta vi distruggerà” è il motto di questa immagine destinata, ne siamo certi, a passare alla storia.

Leggi anche: I furbetti che prendono il reddito di cittadinanza mentre hanno un’attività commerciale in nero