Economia

E intanto il governo “scippa” 285 milioni alla Sardegna

andrea rosas pastori sardi

Mentre Salvini promette una soluzione in 48 ore per i pastori sardi e il latte di pecora il governo si tiene i 285 milioni di euro che dovrebbe restituire alla Sardegna dopo una sentenza della Corte Costituzionale. La storia, raccontata dal Fatto Quotidiano, è questa: una lettera firmata dal ministro dell’Economia Giovanni Tria il 22 gennaio, spedita con posta ordinaria e arrivata fuori tempo massimo negli uffici della Regione Sardegna per consentire la riapertura del dialogo sulla vertenza “accantonamenti”, ossia le quote di risorse regionali dovute annualmente allo Stato come contributo alla finanza pubblica: la scadenza era il 31 gennaio, ma la lettera del ministero, recapitata per posta anziché per via telematica, è arrivata solo il 5 febbraio.

mercato del latte pastori sardi
Il mercato del latte di pecora e i pastori sardi (Il Messaggero, 11 febbraio 2019)

Da oltre un anno, dalla scadenza dell’ultimo Accordo triennale sulla finanza pubblica nel 2017, l’isola chiede la rinegoziazione dei contributi trattenuti da Roma, ritenuti troppo onerosi persino da una recentissima sentenza della Corte costituzionale che l’11 gennaio ha invitato lo Stato a restituire alla Regione quasi 300 milioni di euro di accantonamenti “non dovuti”.

La Consulta ha accolto in toto il ricorso della Regione Sardegna dichiarando illegittimo il passaggio della legge di Bilancio 2018 che chiedeva 285 milioni all’isola. Ma nel frattempo il governo (cambiato) è diventato uccel di bosco e dei 285 milioni non c’è traccia, così come non c’è traccia delle decisioni del ministro Tria inviate per posta ordinaria invece che in via telematica. La cosa divertente è che in Sardegna domenica si vota.

Leggi anche: Come la Lega vuole sabotare il reddito di cittadinanza