Politica

Giuliano Castellino di Forza Nuova rinviato a giudizio

Una truffa da quasi due milioni di euro, di cui un milione e 300mila elargiti dalla Regione Lazio. Castellino per questa vicenda è stato arrestato a luglio del 2018 insieme al suo socio Giorgio Mosca

giuliano castellino forza nuova

Giuliano Castellino, leader romano di Forza Nuova accusato di aver aggredito i giornalisti de l’Espresso, è stato rinviato a giudizio per associazione a delinquere finalizzata alla truffa, insieme ad altre otto persone. Racconta oggi Repubblica Roma:

La vicenda è quella che riguarda i buoni spesa per le persone celiache. Una truffa da quasi due milioni di euro, di cui un milione e 300mila elargiti dalla Regione Lazio. Castellino per questa vicenda è stato arrestato a luglio del 2018 insieme al suo socio Giorgio Mosca.

I due, titolari di tre punti vendita di prodotti alimentari per celiaci, avrebbero falsificato buoni del valore tra i 90 e i 145 euro ciascuno per ottenere rimborsi dal sistema sanitario regionale. I falsi buoni accumulati avrebbero portato nelle tasche del leader di FN e dell’imprenditore Mosca, tra maggio del 2016 e novembre del 2017, la cifra monstre contestata. A dare il via alle indagini condotte dai carabinieri del Nas, coordinati dal pm Alberto Pioletti, sono stati i dirigenti di quattro diverse aziende sanitarie locali che hanno segnalato l’esistenza di documentazione grossolana e palesemente falsa, all’insaputa di medici e pazienti.

A far scattare le indagini, coordinate dalla Procura di Roma, sono state le segnalazioni arrivate dai dirigenti di quattro Asl che si erano accorti dei documenti palesemente falsi consegnati dagli indagati. Grazie all’intervento degli inquirenti è stato bloccato il rimborso di altri 600mila euro che i due imprenditori, accusati di falso, truffa e tentata truffa, stavano per presentare. La truffa sarebbe nata infatti dall’idea di copiare buoni veri che persone affette da celiachia avevano presentato nei due esercizi commerciali gestiti da Castellino e Mosca per acquistare prodotti alimentari.

Leggi anche: Quando la fidanzata di Di Maio ha sentito l’improvviso bisogno di dichiarare il suo amore