Opinioni

Emergenza Democratica raga! Vogliono multare Giorgia Meloni!

C’è chiaramente un’emergenza democratica in atto: vogliono multare Giorgia Meloni per gli assembramenti alla manifestazione del centrodestra. O almeno questo è quello che dice la leader di Fratelli d’Italia, su Twitter e su Facebook, parlando esplicitamente di regime:

vogliono multare giorgia meloni

Leggo che la Digos starebbe visionando tutti i video della manifestazione che abbiamo fatto ieri a Roma, per mandare multe e sanzioni a chi ha partecipato. Quando tutti eravamo in casa e non si poteva neanche partecipare ai funerali dei propri cari, ci sono state centinaia di persone che sono scese in piazza per manifestare il 25 aprile. Nessuna multa per loro. Nessuna multa quando hanno sfilato i centri sociali, nessuna multa quando decine di persone si assembravano da Conte per inaugurare l’ultima campata del ponte di Genova.

vogliono multare giorgia meloni 1

Le multe sono arrivate ai commercianti, rei di protestare contro il governo. E probabilmente arriveranno a noi, perché siamo scomodi al regime. E come tutti i regimi, anche questo pensa di poter utilizzare la polizia per intimorirci. Lo chiedo a quelli che non la pensano come noi, ma mantengono un briciolo di onestà intellettuale: veramente è tutto normale?

Ora, va ricordato che la Meloni prima della manifestazione aveva invitato a non presentarsi per non dare adito a problemi e strumentalizzazioni, quindi aveva presente il problema. Salvini martedì è stato anche contestato per i troppi selfie. Se lei e il Capitano non sono stati capaci di gestire la gente che è arrivata perché si lamentano per la multa (non ancora nemmeno arrivata), che dovrebbero accettare in quanto legalitari? C’è di più: la vicecapa dellagggente (il capo attualmente è Salvini) dovrebbe essere felice di essere trattata come la gente. In ultimo, se non è capace di gestire l’afflusso a una manifestazione perché dovrebbe essere capace di gestire il governo di un paese?

Leggi anche: Gli assembramenti alla manifestazione del centrodestra del 2 giugno