Politica

La scoppola presa dall’estrema destra in Austria e la fuga di Strache

Heinz-Christian Strache in caso di espulsione dalla FPOE minaccia di fondare un nuovo partito: Philippa ne sarebbe la prima e non la sola deputata

philippa strache heinz christian strache

Dopo lo schiaffone rimediato alle elezioni politiche in Austria la FPOE deve fronteggiare un rischio di scissione. E ad andarsene sarebbe proprio quell’Heinz-Christian Strache che ha provocato il flop con l’Ibizagate in cui venne beccato a cercare di vendere il suo paese alla Russia e che poi è finito nei guai per i 42mila euro di spese a carico del partito per lui e la moglie. Racconta il Corriere della Sera:

Nel pomeriggio più tragico della Fpö, che conferma la sua vocazione autodistruttiva, sono in molti a predire che la signora Philippa sia pronta a chiamarsi fuori, dichiarandosi indipendente, o «wilde Mandatarin» secondo la dizione austriaca. Succederebbe di sicuro se il consorte, inseguito dalla nuova accusa di aver usato a scopo personale i denari del partito, venisse espulso dalla Fpö, dove ancora a maggio, prima della pubblicazione del celebre video di Ibiza, regnava indiscusso.

Così certo del suo potere era Heinz-Christian Strache, che aveva nominato la sua coniuge responsabile del partito per la protezione degli animali, incarico retribuito con la non simbolica cifra di 10mila euro al mese. Ma alla signora Philippa la somma non bastava, visto che è stata accusata di aver usato la carta di credito fornitale dal partito per acquistare borse e vestiti firmati, di avere uno chaffeur personale sempre a spese della Fpö e quant’altro.

elezioni austria fpoe flop

Lei respinge le accuse, annunciando querele. Quanto all’incarico animalista, si limita a dire che era un impegno serio e totale. Ma torniamo a Heinz-Christian, che in caso di espulsione minaccia di fondare un nuovo partito: Philippa ne sarebbe la prima e non la sola deputata, riproducendo uno schema scissionista già sperimentato nel 2005 quando Jörg Haider diede vita l’Alleanza per il futuro dell’Austria. L’ambizione di Strache sarebbe quella di ripartire, candidandosi a sindaco di Vienna nel 2020.

Leggi anche: FPOE flop: la scoppola presa dalla destra sovranista alle elezioni in Austria