Politica

La presidente della Calabria ha nominato capo della Protezione Civile uno che non sa nemmeno cosa siano i ventilatori

Mossa spettacolare della presidente Santelli che dopo aver perso un mese per trovare i pezzi della sua giunta nomina alla gestione dell’emergenza uno che non sa cosa sia un ventilatore polmonare, che non si è mai occupato di edilizia sanitaria e che è pure indagato per abuso d’ufficio

«Io non mi sono mai interessato –nemmeno lui- di edilizia sanitaria, di attrezzature sanitarie quindi è una cosa che…io mi occupo di altre cose. In questo frangente siamo stati catapultati quindi se lei mi dice: Che cos’è un ventilatore? Io non le saprei nemmeno dire…». Parola di Domenico Pallaria, già direttore del Dipartimento Lavori pubblici della Regione Calabria e neo nominato direttore della Protezione Civile in Calabria con delega alla gestione dell’emergenza epidemia da Covid-19.

Il responsabile dell’emergenza COVID-19 in Calabria che non sa cosa sono i ventilatori

La dichiarazione, a dir poco sorprendente visto che ormai pure i sassi sanno cos’è un ventilatore polmonare, è stata fatta ai microfoni di Report durante la puntata andata in onda ieri sera. Eppure proprio la scorsa settimana la Regione Calabria ha pubblicato una manifestazione di interesse senza limiti di spesa per la fornitura di DPI e strumentazione per il potenziamento dei posti di terapia intensiva e sub intensiva del sistema sanitario regionale. Nell’avviso si legge l’elenco delle attrezzature da acquistare tra cui: aspiratori elettrici, centrali di monitoraggio per terapia intensiva, ecografi portatili, elettrocardiografi – mascherine chirurgiche, FFP2, FFP3, ventiltori ad aria compressa, pompe infusionali e volumetriche. I delegati all’acquisto sono proprio l’ing. Domenico Pallaria (quello che non sa cosa siano i ventilatori) e il dott. Antonio Belcastro  che dal 2018 dirige il Dipartimento Tutela della Salute della Regione.

pallaria ventilatori santelli calabria protezione civile - 2

Paradossalmente in Calabria la questione dei ventilatori è il problema minore, perché come conferma lo stesso Pallaria al microfono di Adele Grossi la maggior parte degli ospedali calabresi non è accatastata e quindi non ha l’agibilità. Si tratta di un problema noto che si protrae da decenni. Pallaria però non si occupa, o meglio non si è mai occupato di edilizia sanitaria. Eppure il Capo della Protezione Civile Regionale ha il compito di occuparsi di  lavori pubblici, mobilità, infrastrutture, trasporti, rifiuti, ed è responsabile per gli ospedali di Vibo, Catanzaro e Gioia Tauro.

Jole Santelli non sapeva chi nominare come Capo della Protezione civile regionale, quindi ha scelto un indagato per abuso d’ufficio

Pallaria del resto, come racconta su LaCNews Enrico De Girolamo, non è un volto nuovo visto che è in Regione da vent’anni e ci è rimasto con tutte le amministrazioni, si di centrosinistra che di centrodestra. Il che ci porta a chi ha pensato di nominare Pallaria – quello che non sa cosa sia un ventilatore – nel pieno dell’emergenza coronavirus al ruolo di responsabile nella gestione degli ospedali e degli acquisti di materiale ospedaliero di massima importanza.

pallaria ventilatori santelli calabria protezione civile - 3

A deciderlo è stata la presidente Jole Santelli, eletta con i voti della Lega e del centrodestra. Quelli che volevano cambiare tutto in Calabria si affidano ad una “certezza” della Regione, poco male in fondo non sarebbe nemmeno la prima volta. E potrebbe nemmeno essere un problema il fatto che Pallaria non sappia cosa sia un ventilatore o non si sia mai occupato di edilizia sanitaria. Il problema più grosso è semmai il fatto che il dirigente – come ha ammesso a Report – abbia ricevuto un avviso di garanzia per abuso d’ufficio. A maggio Pallaria risultava tra gli indagati nell’inchiesta sulla realizzazione del nuovo ospedale di Vibo Valentia. Contattata da Report la Santelli si è difesa dicendo: «insomma chi dovevo nominare? Chi è il responsabile oggi della Protezione Civile e chi è responsabile oggi del Dipartimento Salute». Forse pareva troppo chiedere un consiglio all’assessore all’Ambiente Sergio De Caprio, alias Capitano Ultimo. È evidente che la Santelli è ancora in affanno per le difficoltà incontrate nella formazione della sua giunta. Ah: la giunta regionale guidata da Santelli (quella che governa con i voti della Lega e di Fratelli d’Italia che strillano per l’elemosina ai bisognosi da parte del Governo) non ha nemmeno recepito la legge 328 del 2000 per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali, la legge per l’assistenza, finalizzata a promuovere interventi sociali, assistenziali e sociosanitari che garantiscano un aiuto concreto alle persone e alle famiglie in difficoltà.

EDIT ORE 16,15: “Ho rimesso il mio incarico di responsabile ad interim della Protezione civile nelle mani della presidente Santelli”. Ad annunciarlo nel corso della trasmissione “Articolo21” è stato Domenico Pallaria, travolto dalle polemiche dopo le sue affermazioni rilasciate a Report. Pallaria, dopo l’annuncio, ha anche chiesto “scusa ai calabresi”, per poi precisare che le sue parole sono state “estrapolate da un contesto” e che “la situazione ha dell’incredibile, è farsesca”.

Leggi anche: Coronavirus: cosa c’è di vero nella storia dei 5,9 milioni di contagiati in Italia