Attualità

Edoardo Ziello: il leghista e il complotto delle ONG dietro la vittoria di Diodato a Sanremo

Sovranisti sull’orlo di una crisi di nervi scoprono che a Sanremo è stata calpestata per l’ennesima volta la sovranità del (tele)voto popolare sconcertati dai poteri fortissimi delle ONG. E Mattarella che fa????

diodato ziello ong mediterranea sanremo - 6

Antonio Diodato con Fai Rumore ha vinto la settantesima edizione del Festival di Sanremo. Mentre nei salotti televisivi tiene ancora banco la querelle del duo Morgan-Bugo altrove c’è chi si interroga sul perché e il percome Diodato sia riuscito a vincere il Festival. Esattamente come l’anno scorso, quando ci fu una feroce polemica perché aveva vinto Mahmood e Ultimo era arrivato secondo, anche quest’anno i sovranisti non si spiegano come mai abbia vinto Diodato e non Gabbani.

L’onorevole leghista, Mediterranea e la vittoria dei “buonisti”

I dati delle votazioni sono pubblici (qui). Il deputato della Lega Edoardo Ziello, così come tanti altri, sembra essere convinto che la spiegazione sia una sola: «il festival è stato vinto da un amante del ‘sinistro pensiero’…». La ragione? Il giorno della finalissima l’ONG Mediterranea  Saving Humans (che è italiana) ha pubblicato un tweet in cui annunciava che avrebbe tifato per Diodato. Nel messaggio una foto del cantante con addosso una maglietta di Mediterranea.

diodato ziello ong mediterranea sanremo - 1

Come sempre quando si tratta di ONG non servono molte prove. Per mesi ci siamo sorbiti la storia dei “vicescafisti”, dei “taxi del mare” e degli accordi sottobanco con i trafficanti; il tutto pagato coi soldi di Soros per portare a termine il grande piano di invasione. Nulla di tutto ciò era vero, hanno dimostrato le inchieste delle procure. E quindi perché mai dovrebbe essere vera la versione dell’onorevole Ziello?

diodato ziello ong mediterranea sanremo - 2

L’account della Lega Pisa – Salvini Premier nei commenti ha le idee chiare, anzi, chiarissime, su come potrebbero essere andate le cose: «potrebbe essere stato fatto una precisa raccolta di voti proprio nei canali tra associazioni e spalleggiatori del sistema ONG per poi fregiarsi di questa pubblicità». Il problema di questa teoria è che nelle interviste Diodato non parla minimamente di migranti, ONG, o di Mediterranea. Parla invece molto dell’ex Ilva di Taranto, visto che è la sua città e visto che da anni è in prima linea per la tutela della salute dell’ambiente. E proprio a Taranto ha dedicato la vittoria. Sull’ex Ilva Diodato, dopo aver ricordato di essere il direttore artistico del Primo Maggio di Taranto, dice che  «la situazione dell’ex Ilva è inaccettabile».

I sovranisti che “ci hanno rubato la sovranità popolare” del televoto

Non una parola invece sulle ONG o sui migranti. Solo in fondo ad un’intervista al Mattino Diodato parla di accoglienza, di tolleranza, di aperture all’altro: «la musica è una risorsa, si fa insieme a persone diverse da te, che suonano strumenti diversi da te. Mi piace pensare che esista un’Italia diversa da quella che si vorrebbe maggioritaria, perennemente incazzata, malpancista. O che, comunque, quei toni esasperati inizino ad essere avvertiti come un’esagerazione: chi unisce è meglio di chi divide, chi accoglie è meglio di chi rifiuta. I messaggi di tolleranza lanciati dall’Ariston possono essere importanti perché arrivano nelle case di chi guarda la tv con leggerezza, senza slogan, con un sorriso».

diodato ziello ong mediterranea sanremo - 3

Ma appunto quei messaggi non sono stati compresi. Ad esempio sempre secondo l’onorevole Ziello quello che è andato in scena sul palco dell’Ariston non è stato il Festival della Canzone italiana ma «il Festival del degrado». Ad accompagnare questa affermazione ovviamente c’è la foto del bacio tra Achille Lauro e il suo chitarrista Boss Doms. C’è chi, come Libero, ricorda la profezia di Matteo Salvini che ebbe a dire: «vincerà uno di sinistra e e politicamente corretto» invitando contemporaneamente a non guardare il Festival.

totolo diodato sanremo - 1

Avrebbe dovuto vincere Francesco Gabbani, strillano quelli che hanno scoperto che il “popolo” ha votato per il cantautore toscano (ma il voto valeva esattamente il 34% del totale). Ancora una volta il voto popolare viene calpestato, spiegano. E chissà cosa avrebbero detto invece se avesse vinto proprio Gabbani. Lui che la sera delle cover ha portato sul palco sette italiani “etnicamente” diversi lanciando il messaggio siamo tutti italiani.

gabbani tricolore tutti italiani - 1

E proprio Gabbani, a differenza di Diodato, qualcosa sui migranti l’ha detta, ed è stata una dichiarazione assai buonista. Ma forse i valorosi patrioti si sono fatti obnubilare dal Tricolore. Oppure semplicemente non hanno guardato Sanremo, e quindi perché si lamentano se ha vinto qualcuno che non gli piace?

Leggi anche: L’ex tesoriere della Lega e le casse della Costa d’Avorio con milioni di euro in banconote da cento