Opinioni

Coronavirus e Gedankenexperiment

Il Gedankenexperiment è un esperimento mentale ossia è un esperimento che non si intende realizzare nella pratica, ma viene solo immaginato. Il concetto di esperimento concettuale è stato introdotto da Albert Einstein.
Famosissimo è il paradosso dei due fratelli: uno rimane sulla Terra e l’altro è lanciato nello spazio ad una velocità prossima a quella luce. Quando l’astronauta rientrerà il tempo sarà passato molto diversamente fra lui e suo fratello. L’astronauta sarà ancora giovane mentre il fratello sarà fortemente invecchiato. Questo paradosso è trattato nel film Interstellar in cui il padre astronauta , ancora giovane, è al capezzale della figlia vecchissima e in punto di morte. Altro paradosso dovuto ad Einstein è il paradosso di Einstein-Podolsky-Rosen (quello in cui è stato per la prima volta ipotizzato l’entanglement), ma forse il paradosso più famoso nella fisica è quello del Gatto di Schrodinger. Il principio di indeterminazione di Heisenberg ci dice che nel mondo quantico (per usare l’espressione dei film degli Avengers) una particella non occupa una posizione precisa e solo un esperimento fa collassare questo stato costringendola ad occupare una specifica posizione (non è una questione di nostra ignoranza ossia non sappiamo dove stia, proprio non sta da nessuna parte ma è come una nuvola di probabilità che occupa uno spazio molto ampio). Schrodinger, con il suo esperimento mentale, riesce a trasferire questa proprietà tipica di particelle elementari a macrosistemi come un gatto per cui, quel povero gatto, si ritrova CONTEMPORANEAMENTE vivo e morto…

john malkovich
John Malkovich/Albert Einstein (fonte: thechive.com)

Ma i gedankenexperiment non li ha inventati la fisica moderna. Il primo a fare un esperimento mentale fu Zenone con il paradosso di Achille e la tartaruga. Perfino Dante ne ha fatto uno nel secondo canto del Paradiso quando Beatrice spiega a Dante l’origine delle macchie lunari. Galilei usa un gedankenexperiment per spiegare il principio di inerzia (il racconto del gran naviglio), etc etc.

Io credo che all’epoca del coronavirus ci sia un disperato bisogno di usare la testa e i gedankenexperiment. Il popolo Italiano dopo essere stato un popolo di commissari tecnici della nazionale, nel corso di questa epidemia è passato da popolo di virologi/immunologi a popolo di Esperti. Il Governo ha contribuito nominando una serie di comitati di esperti, tutti pletorici ed ipertrofici. Ma il popolo Italiano non è stato con le mani in mano e ha partecipato con gioia a questa nuova sfida cosicché sia in TV che sui giornali che in internet siamo sommersi da “esperti” che danno consigli (più o meno folli) sui più disparati argomenti.

conte riaperture 3 maggio regole

Utilizziamo la tecnica dei gedankenexperiment su alcuni di questi consigli che sono circolati in questi giorni. Sperando che non siano frutto degli “esperti” governativi, non si sa mai…Gli ombrelloni al mare saranno circondati da paratie di plexigas per separare i bagnanti. E’ possibile? Immaginate quanto sia comodo la mattina portare un ombrellone e un bel po’ di paratie di plexigas… Inoltre uno può immaginare come metta assolutamente a proprio agio stare in una specie di vetrinetta. Fa venire attacchi di claustrofobia solo a pensarci…Infine quando uno va a nuotare, come cavolo fa a portare con sé la paratia di plexigas ? O ci si può infettare allegramente ma purché in acqua e non sulla spiaggia?

spiagge coronavirus plexiglass stabilimenti

Al ristorante si può andare ma uno deve essere distanziato almeno di un metro. E se uno è vecchio deve osservare una distanza di 2 metri. Immagino che i pranzi di nozze dovranno avere tavoli lunghi qualche km. Immagino inoltre i poveri vecchietti, già sordi per loro conto, alla distanza di due metri, totalmente isolati dalla conversazione. Tutti dovranno urlare per farsi sentire da quelli più vicini. Mah..

Per i trasporti hanno detto che in treno si occuperà un posto ogni 4 e in aereo uno ogni 9. Il che vuol dire che il prezzo del treno quadruplicherà e il prezzo dell’aereo più o meno decuplicherà. Immaginiamo uno che lavora a Milano e ha la famiglia a Roma…ogni volta che vuol prendere il treno dovrà spendere 400 Euro. Ancora peggio una famiglia sicula che vive e lavora a Milano ma ha la nonna a Palermo. Se la vuol visitare a Natale, deve mettere in conto almeno 5000 Euro a cranio per l’aereo…

coronavirus milano

Ma facciamo un altro esperimento mentale. A causa di questa epidemia il Governo ha messo per due mesi in coprifuoco tutta la nazione. Sono stati utilizzati elicotteri e minacciati lanciafiamme per chi non rispettava il divieto di uscire da casa. Un’ondata di decreti leggi (alcuni dei quali con forti dubbi di costituzionalità) ha reso sia il dibattito parlamentare che il ruolo dell’opposizione un optional. In un decreto legge è stato perfino introdotto un reato (cancellato, per fortuna, successivamente). Il Premier fa spessissimo lunghissimi interventi TV in uno dei quali ha attaccato esplicitamente i leader delle opposizioni che non hanno avuto il diritto alla replica. Bene facciamo un gedankenexperiment. Supponiamo che fra 5 anni governi la destra e sia premier Salvini o la Meloni. Immaginiamo poi che cada per terra, di nuovo, una provetta piena di virus in un fantomatico laboratorio segreto di Wuhan. Secondo voi che può succedere?

Leggi anche: La storia del Coronavirus e del laboratorio di Wuhan

Vincenzo Vespri

Vincenzo Vespri è professore di matematica all’Università degli Studi di Firenze Oltre ad essere un professore universitario di Matematica che vede con sgomento l'università italiana andare sempre più alla deriva, sono anche un valutatore di progetti scientifici ed industriali (sia a livello italiano che europeo). Vedere nuove idee, vedere imprese che nascono, vedere giovani imprenditori che per realizzare le proprie idee combattono fatiche di Sisifo contro il sistema paleo-burocratico e sclerotizzato, è un' esperienza tipo Blade Runner: " Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser".