Opinioni

Claudio Perazzini: l'assessore rimosso al IV Municipio…con serratura cambiata

Claudio Perazzini, assessore allo sport e alla cultura del IV Municipio, è stato allontanato dall’incarico. La presidente M5S Roberta Della Casa, dopo la vicenda di Emanuela Brugiotti, rimuove anche Perazzini, anche se la notizia non è stata in alcun modo comunicata sui canali ufficiali. A parlarne è invece Nicolò Corrado, presidente della commissione trasparenza del municipio:

La Presidente del IV Municipio fa fuori l’Assessore allo Sport e alla Cultura con cui ormai da tempo, forse da sempre, i rapporti erano ai minimi storici per evidenti contraddizioni nel come intervenire sul territorio. Un Centro Culturale chiuso misteriosamente, bandi stoppati senza trasparenza, le associazioni culturali sotto sfratto, abbiamo sempre riconosciuto all’Assessore Perazzini impegno e competenze seppur con il raggiungimento da parte sua di risultati opposti rispetto a quanto da noi auspicato.

claudio perazzini

Spiace constatare che come per la cacciata dell’Assessore al bilancio, fatta fuori il giorno prima dell’inizio della discussione in consiglio sul bilancio municipale, anche il momento di questa uscita di scena non appare propizio poiché alla vigilia di appuntamenti importanti, su cui l’assessore stava istituzionalmente lavorando e su cui aveva relazionato meno di dieci giorni fa nelle commissioni consiliari, come quelli del 25 Aprile e del 1 Maggio.
Resta l’amaro in bocca conoscendo la storia dell’Assessore Perazzini, a tutti nota nel territorio, che nulla aveva a che fare con le idee e le prospettive del Movimento 5 Stelle essendo caratterizzata da una lunga militanza politica che non lo faceva certo apparire come un personaggio ‘nuovo’ rispetto alle dinamiche politiche passate del territorio del IV Municipio e nonostante ciò scelto con convinzione dalla Presidente.

Stamattina, secondo quanto riferiscono fonti municipali all’agenzia Dire, recandosi in ufficio Perazzini avrebbe trovato una ‘sorpresa’: non un uovo di cioccolato come da tradizione pasquale, ma una serratura nuova di zecca alla porta della sua stanza che gli ha impedito di entrare.
EDIT: Arriva la replica di Roberta Della Casa:

“Nessuna cacciata ma la revoca di una delega. Con l’assessore Claudio Perazzini sono venuti meno i requisiti di fiducia. Non si possono portare avanti obiettivi che si discostano dal programma elettorale per cui siamo stati eletti. Ovviamente ho condiviso tutto con la mia maggioranza e per il momento assumerò io le deleghe”. Così la minisindaca del IV Municipio Roberta Della Casa risponde alla capogruppo del Pd capitolino Michela Di Biase e a Massimiliano Umberti capogruppo dem in IV municipio che la accusano di aver “cacciato” un altro assessore. “Abbiamo idee divergenti ed obiettivi divergenti – aggiunge – Ma Perazzini sa che qualunque contributo verrà dalla sua professionalità potrà essere oggetto di valutazione, come facciamo sempre con tutte le proposte che ci arrivano”. La minisindaca poi torna a parlare dell’assessore al Bilancio e Trasparenza Emanuela Brugiotti, le cui deleghe erano state ritirate “non per la sua maternità, come avevo spiegato a suo tempo. Al suo posto, da alcune settimane c’è un nuovo assessore, un’altra donna, quindi nessuna discriminazione. E soprattutto, nessuna crisi nella mia giunta”.

Leggi sull’argomento: Emanuela Brugiotti: la mamma assessora che accusa il M5S di discriminazione