Politica

Claudio Belotti: il mental coach al ministero di Giulia Grillo

giulia grillo prodotti celiaci celiachia 4

Mentre il sottosegretario alla Salute in quota M5S Armando Bartolazzi incontra i free vax di Corvelva – perché chi dice che il M5S è contro i vaccini “dice sciocchezze”: alliscia soltanto il pelo alle associazioni che seminano dubbi sui vaccini con test squalificati dalla scienza, cosa vuoi che sia? – la ministra della Salute Giulia Grillo ha assunto un mental coach. Un preparatore mentale che si è formato alla scuola americana di Richard Bandler, padre della discussa Programmazione neuro linguistica nata in California nei Settanta e abbracciata di recente dalla Casaleggio associati. Lo racconta oggi Corrado Zunino su Repubblica:

La ministra sperimentatrice Giulia Grillo, Cinque Stelle della prima ora, con un decreto di inizio anno ha deciso che il settimo membro dello staff sarà Claudio Belotti, 51enne bergamasco, a capo della società Extraordinary insieme alla moglie, da ventidue stagioni diffusore in patria della connessione tra processi neurologici, linguaggio e comportamento che, se dominata, «permette di guidare la nostra vita invece di subirla».

Dice Giulia Grillo: «A me piacciono le novità». Coach Belotti le costerà 35 mila euro lordi per un anno. «Ci servirà come comunicatore, rendere comprensibile la sanità ai cittadini non è cosa semplice. Ho cercato tanto, ho faticato a trovare divulgatori esperti di Medicina e alla fine ho pensato che Belotti sarebbe stato il volgarizzatore giusto». Di Medicina e Sanità, tuttavia, non sa nulla.

caludio belotti mental coach giulia grillo programmazione neuro linguistica

Belotti è allenatore mentale per sportivi e formatore su misura in azienda. Sul sito extraordinary si trovano informazioni sulla sua attività professionale e sulla sua carriera. Anche se, scrive sempre Repubblica, gli studi ortodossi che si sono occupati della Programmazione neuro linguistica, madre di tutto il resto, l’hanno regolarmente bocciata.

L’esercito americano, negli Anni ‘80 interessato ad alcune tecniche New age, studiò la possibilità di influenzare gli altri attraverso la Pnl: due anni di indagini e abbandonò ogni velleità. La disciplina è sopravvissuta nell’auto-aiuto e nel coaching, ma anche qui le prove del suo funzionamento sono affidate al passaparola, sono aneddotiche: non c’è un controllo sistematico e provabile sui risultati.

I fondatori americani, d’altro canto, neppure hanno l’esclusiva sull’uso del termine: chiunque può entrare nel business della Programmazione neuro linguistica. Nella banca dati italiana, per dire, si trovano ventun marchi “Pnl” depositati. Claudio Belotti, già albergatore, ama chiamare le donne femmine («vogliono essere accontentate, ma non da uomini consenzienti per i quali perdono stima») e raccontare le sue crisi coniugali sull’agorà digitale: «Siamo stati vicini a lasciarci due volte».

Intanto il governatore della Campania Vincenzo De Luca polemizza sulla vicenda: “Stamattina ho letto che il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha deciso di assumere nel suo staff a Roma un mental coach, un preparatore mentale. Condivido questa scelta, la ritengo necessaria. Anzi, urgente”

Leggi anche: Il M5S porta i free vax di Corvelva al Ministero della Salute