Politica

Charles Michel in missione a Kyiv per incontrare Zelensky mentre proseguono i combattimenti

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel è arrivato questa mattina a Kyiv in treno: in agenda un incontro con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky

charles michel kyiv kiev

Dopo la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e quella del Parlamento europeo Roberta Metsola, un’altra figura di vertice dell’Ue si reca in visita a Kyiv: è il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel, arrivato questa mattina in treno nella città che ha definito “cuore dell’Europa libera e democratica”. Ha annunciato lui stesso la missione, organizzata come spesso avviene in questi casi in gran segreto.

Charles Michel in missione a Kyiv per incontrare Zelensky mentre proseguono i combattimenti

Ad accoglierlo la vice primo ministro Olha Stefanishyna. Nella capitale ucraina il presidente del Consiglio Europeo incontrerà tra gli altri il presidente Volodymyr Zelensky. Per motivi di sicurezza non sono stati diffusi altri dettagli sui suoi appuntamenti.
Proprio dalla capitale oggi la vice premier ucraina, Iryna Vereshchuk, ha comunicato via Telegram: “Alla luce della situazione umanitaria catastrofica a Mariupol è in questa direzione che oggi concentriamo il nostro impegno. Siamo riusciti a concordare preventivamente un corridoio umanitario per donne, bambini e anziani”. L’intento è il trasferimento in direzione di Zaporizhzhia via Berdyansk. “A causa della situazione della sicurezza molto difficile – ha avvertito Vereshchuk – potrebbero esserci cambiamenti”.

Mentre un nuovo ultimatum è arrivato nelle scorse ore dal ministero della Difesa russo per la resa dei combattenti ucraini che resistono nella città assediata nell’acciaieria di Azovstal della città assediata. La Russia in una dichiarazione diffusa alle prime ore di oggi, afferma che “ancora una volta” offrirà all’Ucraina la possibilità di “smettere di combattere e deporre le armi” dalle 14 di oggi, ora di Mosca (le 13 in Italia). Sul campo invece si continua a combattere: “Le unità di difesa aerea ucraine hanno colpito nove bersagli aerei delle truppe russe”, ha riferito il comando dell’Aeronautica Militare delle Forze Armate dell’Ucraina. Secondo il rapporto, si tratta di un aereo (probabilmente un cacciabombardiere Su-34), un elicottero (Ka-52), cinque droni (OTR “Orlan-10”), un missile da crociera, un drone (S-100).

 

(immagine di copertina: profilo Twitter Charles Michel)