Economia

Carige, in campo resta solo Blackrock

carige

Per Banca Carige l’offerta di Blackrock è l’unica attualmente in campo. Värde, il gestore americano che aveva iniziato a studiare il dossier della banca genovese, ieri ha deciso di chiamarsi fuori dalla gara. E così rimane solo l’opzione BlackRock, ma non direttamente, visto che si sta parlando di una società di gestione del risparmio (la più grande al mondo) che non potrebbe entrare in gioco in prima persona nell’acquisto di una banca. Se l’interesse già manifestato si concretizzerà in offerta, questa avverrà attraverso un fondo gestito dal gigante americano. Molto difficile ipotizzare che un terzo fondo, Apollo, già affiancato agli incerti destini di Carige, posso decidere di farsi avanti.

carige malacalza
Carige e la gestione Malacalza (Corriere Economia, 7 gennaio 2019)

Intanto nelle mani dei tre commissari (Raffaele Lener, Fabio Innocenzi e Pietro Modiano) ci sono già due offerte per un pacchetto di crediti deteriorati di poco inferiore ai due miliardi: la prima, vincolante, l’ha presentata la Sga, società del Tesoro; la seconda, non vincolante, è arrivata dal Credito Fondiario.  Più delicata sarà però l’operazione di rafforzamento patrimoniale da 630 milioni, anche se Bce ha prorogato di sei mesi, e non di tre, il mandato dei commissari. Per chiudere la partita c’è tempo fino alla fine di settembre. Con le offerte in arrivo a metà mese, l’assemblea per approvare l’aumento di capitale potrebbe essere a fine maggio. Poi sarà necessario andare sul mercato per reperire i capitali. Lo Schema Volontario, che in autunno sottoscrisse 320 milioni di prestito subordinato, potrebbe convertirne una parte, ma è ovvio che il protagonista dell’operazione sarà il nuovo azionista di riferimento. La famiglia Malacalza non uscirebbe comunque di scena, sottoscrivendo anch’essa una quota.

Leggi anche: La guerra al clan Senese dietro le gambizzazioni di via Flavio Stilicone