Politica

Come Bonafede ha improvvisamente perso la voce sulla moto d’acqua di Salvini

bonafede salvini moto d'acqua polizia

C’è qualcosa di più imbarazzante che vedere il figlio del ministro dell’Interno sulla moto d’acqua della polizia? Ma certo che c’è: è il silenzio del MoVimento 5 Stelle sulla vicenda per paura di Salvini.

Il M5S ha improvvisamente perso la voce sulla moto d’acqua di Salvini

A parte il consigliere regionale siciliano Cancelleri, il M5S ieri ha minimizzato oltremodo la questione, quando per anni ha fatto di ogni questione che riguardava l’uso di mezzi di Stato da parte dei politici: dall’Air Force Renzi agli elicotteri per i ministri fino ai voli di Stato. Sulla moto d’acqua e sul figlio di Salvini la parola d’ordine è: minimizzare. L’altro vice premier Luigi Di Maio, fa sapere Repubblica, non è intervenuto pubblicamente ma ai suoi ha fatto sapere: «Salvini si è scusato, spero che i poliziotti non paghino errori di altri».

Un altro che ha avuto il coraggio di parlare è il sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia lamenta: «È un peccato che uomini dello Stato debbano andare dietro a queste cose».

Bonafede e il figlio di Salvini sulla moto d’acqua della polizia

Ma il migliore rimane il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Parenzo a In Onda gli ricorda che il MoVimento 5 Stelle era nato per combattere casta e privilegi e chiede un’opinione sui fatti.

Bonafede è un capolavoro di cerchiobottismo: “Guardi… sinceramente: so che la questura sta facendo le verifiche che deve fare ehhhhhh… ho sentito la dichiarazione del ministro dell’Interno… Mi dispiace perché secondo me i poliziotti sono stati messi in difficoltà da quella situazione… per quanto riguarda… i giornalisti hanno fatto il lavoro… dopodiché non credo che gli italiani perdano il sonno per sapere se il figlio del ministro Salvini si è fatto un giro sulla moto ad acqua o no. Per me come ministro della Giustizia penso che ci siano italiani che perdano il sonno perché si trovano alla decima udienza di un processo che non finisce mai…”. Ma se queste cose non sono importanti, perché il M5S ci ha campato per anni?

Leggi anche: Mario Cerciello Rega: senza pistola perché fuori servizio?