La macchina del funky

L’amore è… a 5 Stelle: Andrea Coia festeggia le dimissioni di Meloni

andrea coia ambulanti

Andrea Coia, consigliere comunale del MoVimento 5 Stelle a Roma nonché presidente della Commissione Commercio in Campidoglio, in occasione dell’annuncio di dimissioni di Adriano Meloni, assessore al Commercio della Giunta Raggi, rilascia un’intervista a Repubblica per festeggiare l’evento. Già che c’è,

«Basta con i tecnici che spesso non sanno qual è la linea del M5S e ci mettono un sacco di tempo a tradurla in atti amministrativi perché prima devono capirla. Adesso che Meloni va via sarebbe meglio nominare un politico».

Quanto hanno pesato su questo addio gli attriti con lei?
«Non lo so, io so solo che lui voleva andare via da tempo e la sindaca condivideva questa scelta. Tra l’altro segnalo che nel corso del suo mandato Meloni non ha attaccato solo me ma l’intera maggioranza».

Pure lei però non è che sia mai stato tenero nei sui confronti.
«Io ho sempre ribadito l’ovvio. L’assessore non ha mai nascosto di essere competente solo sul Turismo, mentre il Commercio non gli piaceva sviscerarlo in tutte le sue sfaccettature. Era necessario che qualcuno colmasse quel vuoto. Perciò ora serve un assessore 5S».

tredicine meloni coia

La reazione di Coia è perfettamente spiegabile alla luce del caso Coidicine, punta dell’iceberg di un rapporto che non è mai decollato. Ma il presidente della commissione Commercio sembra anche, in un certo senso, offrirsi come possibile assessore (in cambio, evidentemente, delle dimissioni da consigliere)

Si sta forse candidando a prendere il posto di Meloni?
«Decide Virginia. Certo, se me lo chiedesse ci potrei ragionare, ma non è un’ipotesi in campo perché io sono stato eletto in consiglio e le nostre regole lo escludono».

A Frongia il salto è riuscito.
«Lui ha rinunciato allo scranno da consigliere subito dopo l’elezione».

Leggi sull’argomento: Adriano Meloni lascia la Giunta Raggi