Opinioni

Wolrd Press Photo: il premio revocato a Giovanni Troilo

Gli organizzatori dei premi World Press Photo hanno revocato un riconoscimento all’italiano Giovanni Troilo, perché aveva fornito informazioni fuorvianti sulla descrizione della foto, che ritraeva la città industriale belga di Charleroi. World Press Photo ha annunciato in un comunicato che il Contemporary Issue World Press Award 2015 assegnato a Troilo per la sua serie fotografica “The Dark Heart of Europe” è stato revocato. “La storia non rispettava le norme di iscrizione e per questo il premio deve essere revocato”, ha spiegato la nota, che afferma che una delle foto è stata scattata in realtà a Molenbeek, Bruxelles. “Troilo ha confermato sia al telefono sia attraverso posta elettronica che l’immagine non ritrae Charleroi, contrariamente da quanto sostenuto nella descrizione. Questa falsa informazione costituisce una violazione delle regole di iscrizione del concorso fotografico 2015″, aggiunge la nota. La serie fotografica, incentrata sul degrado urbano in Europa, aveva scatenato rabbia e fastidio a Charleroi, con il sindaco che aveva denunciato una “grave distorsione della realtà” e chiedeva il ritiro del premio.


In una lettera agli organizzatori, Paul Magnette aveva contestato un ritratto fotografico di un uomo obeso a petto nudo, con una didascalia secondo la quale viveva in una delle zone più pericolose della città. Magnette spiegava che in realtà l’uomo era il gestore di un’enoteca, molto noto in città, e che la foto dava una rappresentazione fuorviante di Charleroi. “Ecco perchè vi chiediamo di prendere in esame la possibilità di ritirare il premio”. La vicenda aveva scatenato una tempesta sui social media e il World Press Photo aveva inizialmente difeso Troilo, affermando di non vedere problemi nella foto in cui una coppia fa sesso in auto, criticata perchè rappresentava una messinscena, in quanto uno dei protagonisti è il cugino del fotografo. Una prima indagine aveva concluso che “non ci sono basi per dubitare dell’integrità del fotografo nel realizzare il suo lavoro”, ma ieri sera WPP ha deciso di squalificarlo, alla luce di nuove informazioni: una della foto, che mostra un pittore che ritrae delle modelle, è stata scattata a Molenbeek, a Bruxelles, invece che a Charleroi.