Opinioni

Il vulcanello di Santa Vittoria in Matenano

Su Youtube e Facebook è stato pubblicato questo video che testimonia l’apertura di un “vulcanello” su un campo di Santa Vittoria in Matenano, comune di 1400 abitanti in provincia di Fermo. Il vulcanello riversa l’argilla sul terreno dalle 14 di ieri, e questo è un fenomeno che il territorio di Fermo già conosce visto che ne sono stati visti altri a Monteleone e Montappone.

I vulcani di fango sono collinette che eruttano argilla e acqua, oltre che bitume. In Italia ce ne sono di due tipi: ma maccaluba e la salinella.

La genesi dei fanghi è da attribuire alla risalita di acqua e gas sotto pressione attraverso discontinuità strutturali in formazioni argillose o attraverso vere e proprie faglie.
Quando i vulcani di fango si trovano presso un vulcano di lava, in generale emettono anidride carbonica (CO2); questo perché il metano primordiale reagisce con l’ossigeno.
La loro formazione, in genere, non è legata ad un’attività vulcanica secondaria, ma ad un particolare fenomeno che per somiglianza viene definito vulcanesimo sedimentario; le salinelle di Paternò e di Belpasso, in provincia di Catania, fanno eccezione perché sono legate a veri fenomeni vulcanici.
Nel mondo sono un fenomeno relativamente comune, infatti, si contano circa 1.100 vulcani di fango ed è stato stimato che ne possano esistere oltre 10.000 casi su scarpate continentali e piani abissali. Si pensa che siano anche presenti sul pianeta Marte.
Nei pressi dei vulcani di fango la terra è generalmente sterile ma in molti casi si rinvengono delle specie vegetali alofite.

Leggi sull’argomento: Monte Porche, la spaccatura per il terremoto