Politica

“Il voto su Rousseau può buttare a mare la democrazia rappresentativa”

Cesare Mirabelli, presidente emerito della Consulta, va all’attacco del voto su Rousseau in un’intervista rilasciata a La Stampa

cesare mirabelli

Cesare Mirabelli, presidente emerito della Consulta, va all’attacco del voto su Rousseau in un’intervista rilasciata a La Stampa:

«E’ evidente che si affaccia un interlocutore nuovo, che in Costituzione non è previsto».

Non vede un pericolo di collisione tra questa consultazione telematica e il ruolo delle assemblee elettive?
«Mi chiedo anche se la criticità non sia nei confronti del Presidente della Repubblica. Se c’è questa adesione suppostamente popolare, il Capo dello Stato potrebbe poi prendere posizioni diverse? Vede, è chiaro che il quesito sulla piattaforma telematica è di assoluta genericità. E ci mancherebbe pure che fosse l’approvazione di ministri e programma di governo, ché questo sarebbe stato davvero grave».

Ma…
«Ma un conto è la consultazione di un partito come consultazione interna, altro è un atto che ha un impatto sul presente».

cesare mirabelli 1

Che cosa la turba, professore, in questo ricorso alla piattaforma gestita dalla società Casaleggio?
«Sia i tempi, sia i modi della consultazione. E’ un insieme atipico. Avrei capito che il M5S avesse consultato la base dei suoi iscritti prima
di avviarsi alle consultazioni del Quirinale. Sarebbe stato un atto di indirizzo politico interno. Ma quando si organizza la consultazione dopo che il Capo dello Stato ha dato l’incarico, questa consultazione è diretta ad avere un immediato effetto esterno. E allora, mi domando: se la consultazione fosse negativa, che cosa accadrà? Il presidente incaricato, sulla base del voto di un numero ristretto di persone, sia pure iscritte al partito M5S, si ritira e restituisce il mandato nelle mani del Presidente della Repubblica? Non è quanto stabilisce la Costituzione, direi. Così come è stata gestita, per tempi e modi, questa consultazione sembra piuttosto un atto di sfiducia o di fiducia preventiva esterna».

Leggi anche: Dietro il voto su Rousseau la guerra tra Beppe Grillo e il M5S di Di Maio