Economia

L’onorevole M5S e i sindacati che costringono la gente a scendere in piazza

vittoria baldino m5s 1

Per la serie “Tre passi nel disagio” vi presentiamo oggi l’onorevole del MoVimento 5 Stelle Vittoria Baldino che venerdì ad Omnibus ha detto: “Credo che molte persone siano costrette a scendere in quella piazza, io penso che andrò per parlare con la gente”. Una frase alquanto sibillina che si riferiva alla manifestazione dei sindacati in piazza San Giovanni dal titolo “Futuro al lavoro” convocata da CGIL, CISL e UIL e che ha visto il debutto del neosegretario Maurizio Landini contro la Manovra del Popolo.

Ma non finisce qui. Antonello Caporale sul Fatto ci racconta oggi che in piazza c’erano molti elettori di Lega e M5S, che però non sembrano entusiasti del nuovo governo e minacciano di cambiare partito alle elezioni europee:

La piazza è piena ma promette che le urne, almeno viste da qui, a maggio per le europee resteranno vuote. “Fanno casino, gridano contro, non mi piacciono molto. Mi sembra che non abbiano le idee chiare”, Antonio, metallurgico torinese,astenuto ieri, astenuto domani. “Io ho votato Lega”, dice Luigi da Ivrea. “Io Lega”, cosi Vittorio da Novi Ligure. “Adesso fott et ev i”, ribatte Umberto, la maglietta di Potere al Popolo, new entrya sinistra.

Ma la Baldino non demorde e si presenta lo stesso in piazza nella veste di testimone oculare sul luogo del presunto delitto: «Lei sola. Di Maio, che pure sarebbe ministro del Lavoro e qualche attenzione dovrebbe prestarla a manifestazioni come queste, ha risolto il conflitto, ora silente ma non più inconsapevole, salendo in groppa al cavallo di battaglia del Movimento: tagliare le pensioni d’oro ai sindacalisti», commenta il Fatto.

vittoria baldino m5s

E cosa scopre, la Baldino? Che non ha avvertito alcun malcontento nei confronti del governo, dice, “come sospettavo”, ribadisce visto che a lei non si può nascondere nulla. E i manifestanti costretti? Su quello nemmeno una parola. Meglio cambiare discorso inventando, così una figuraccia copre l’altra.

Leggi sull’argomento: Rimborsi ai truffati: perché Di Maio e Salvini sono stati contestati a Vicenza