Opinioni

Gli esponenti del M5S che ieri raccontavano che «sta per arrivare una bomba per Renzi»

Nelle more della decisione di mettere agli arresti domiciliari Tiziano Renzi e Laura Bovoli, il padre e la madre di Matteo Renzi spunta il “giallo”. I coniugi Renzi sono ai domiciliari per la vicenda processuale che li vede entrambi coinvolti per l’accusa di false fatturazioni e bancarotta fraudolenta. Molti sostenitori dell’ex premier hanno puntato il dito contro le strane coincidenze della giustizia ad orolgeria. Ad esempio sorprende che l’ordine di arresto sia arrivato proprio mentre i 5 Stelle stavano votando su Rousseau per decidere se concedere o meno l’autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini per il sequestro di persona dei 177 migranti trattenuti a bordo della nave Diciotti della Guardia Costiera.

domiciliari tiziano renzi m5s fuga notizie - 3

Subito ieri sera il deputato PD Michele Anzaldi aveva dato il via alle ipotesi su come mai la notizia e l’arresto siano arrivati proprio ieri: «è normale che alle otto di sera, nelle ore in cui il Governo rischia di cadere, si proceda ad arrestare i genitori dell’ex premier (principale leader di opposizione), settantenni incensurati, per vicende che risalirebbero ad alcuni anni fa?». Ora a parte il fatto che attualmente Renzi non è il principale leader dell’opposizione ma solo un umile senatore da Scandicci la domanda ha continuato a rieccheggiare.

Ettore Maria Colombo del Quotidiano nazionale

Poco più di un’ora dopo la giornalista de Il Giornale Laura Cesaretti faceva notare su Twitter come durante la giornata di ieri fossero giunte nelle redazioni dei giornali, da persone del «giro 5 Stelle eccitate anticipazioni aummaumma su “una bomba in arrivo per Matteo Renzi“». Il fatto che la bomba sia poi davvero arrivata conferma la notizia? La circostanza è confermata anche da Maria Teresa Meli che sul Corriere della Sera riferiva ieri come quella degli arresti dei genitori dell’ex premier non fosse per tutti un fulmine a ciel sereno. Scrive la Meli:

Eppure ieri pomeriggio, a Montecitorio, i parlamentari dei 5 Stelle, in attesa del voto online su Salvini, confidavano a qualche giornalista amico: «Sta per arrivare una bomba per Renzi»

domiciliari tiziano renzi m5s fuga notizie - 2

Una versione più o meno analoga dei fatti, con le redazioni pre allertate dai 5 Stelle, viene data anche da Ettore Maria Colombo in un articolo pubblicato sul suo blog nel quale tenta di ricostruire la convulsa giornata di ieri tra votazioni su Rousseau, salvataggio di Salvini (arrivato dopo la notizia dei domiciliari ai coniugi Renzi) e l’ipotesi che i 5 Stelle sapessero della notizia fin dalla mattina. Tanto basta ad Anzaldi per chiedere se il rinvio della chiusura delle votazioni sia stata ritardata per sfruttare l’ondata emotiva antirenziana. E soprattutto chiedere chi avesse informato gli esponenti pentastellati della “bomba in arrivo su Renzi”. Fermo restando che la notizia è stata poi data per prima da Fiorenza Sarzanini, che al Corriere si occupa di cronaca giudiziaria e che quindi l’ha avuta da altre fonti, è assai curioso il fatto che nel MoVimento 5 Stelle qualcuno sapesse – a grandi linee o nel dettaglio – dell’arresto di due privati cittadini.

Leggi sull’argomento: Perché Tiziano Renzi e Laura Bovoli sono agli arresti domiciliari