Cultura e scienze

Travaglio e il padre di Renzi «ingabbiato»

travaglio renzi 1

In un servizio mandato in onda a Piazzapulita su La7 ieri e realizzato da Salvatore Gulisano si racconta dello spettacolo di Beppe Grillo “Insomnia” andato in scena al Teatro Brancaccio di Roma proprio nel giorno in cui il M5S su Rousseau ha salvato Salvini compare un ospite d’eccezione, ovvero Marco Travaglio.

Travaglio e il padre di Renzi «ingabbiato»

Il direttore del Fatto viene immortalato mentre scambia battute con chi gli chiede gli autografi e i selfie e già che c’è qualcuno, una voce fuori campo, gli consiglia di farsi pagare visto che “deve dare tutti quei soldi a Renzi”. Il riferimento è alla causa civile vinta in primo grado da Tiziano Renzi che ha condannato il giornale a rifondere una somma totale di 95mila euro.

travaglio renzi

Travaglio risponde con una battuta: «Li dovevo dare al padre di Renzi ma l’hanno ingabbiato». In realtà Tiziano Renzi non è stato ingabbiato visto che è agli arresti domiciliari, ma si capisce il senso della battuta del direttore del Fatto.

travaglio renzi 1

Il quale però subito dopo si lascia andare a un pronostico: «Quindi credo che vincerò in appello».

travaglio renzi 2

Nello stesso servizio si mostra anche un interessante retroscena sulla vicenda di Mario Giarrusso all’uscita di Sant’Ivo alla Sapienza, sede della Giunta per le autorizzazioni a procedere. Prima della scenetta delle manette, Giarrusso ha anche risposto al coro “Onestà – Onestà – Dove sta?” che gli è stato rivolto dai parlamentari del Partito Democratico che erano lì per contestarlo: “Ai domiciliari in Toscana sta!”, replica il senatore audiofilo.

giarrusso onestà domiciliari toscana

Insomma, Giarrusso era pronto alla battuta di spirito. Tutto il contrario dell’uomo terrorizzato (da Alessia Morani, che nemmeno c’era…) autodescrittosi nell’intervista.

Leggi anche: AMA Roma, scoppia il caso: i file audio di Virginia Raggi e Giampaoletti