Economia

Svimez e gli 11 miliardi non restituiti da Milano al Centro-Sud

fecondazione eterologa prezzo

Il Messaggero racconta oggi che Svimez ha provato a studiare e quantificare l’impatto della fuga dei cervelli “interna” concentrandosi sull’effetto in termini di spesa pubblica, calcolato mettendo insieme tutte le somme fruite da un giovane dalla nascita fino al compimento dei 25 anni: età che grosso modo corrisponde a quella della laurea.

Il dato di partenza è il saldo migratorio di laureati, che è sempre sfavorevole al Mezzogiorno: in 15 anni sono 210 mila quelli che hanno lasciato le Regioni meridionali per andare al Centro-Nord: di questi 73mila, quindi oltre un terzo, si sono trasferiti in Lombardia. Per Milano e le altre Province della Regione c’è un guadagno netto di circa 11,5 miliardi: soldi presi e non ridati al resto del Paese, che hanno contribuito tangibilmente al successo del modello lombardo. Sul solo 2017 i numeri sono ugualmente significativi: il saldo di laureati a svantaggio del Mezzogiorno è in un anno di 7.147 unità, quasi la metà di quello totale verso il Centro-Nord nello stesso periodo. E la Lombardia ha “incassato” 1,1 miliardi di investimenti fatti altrove.

milano 11 miliardi centro-sud 1
I saldi migratori verso la Lombardia (Il Messaggero, 13 novembre 2019)

Nel quindicennio che va dal 2002 al 2017 si sono trasferiti nella sola Lombardia 421 mila residenti delle Regioni meridionali: tra loro si contano quasi 100mila laureati e ben 236mila giovani tra i 15 e i 34 anni. Oggi vive al Sud e nelle isole il 34 per cento della popolazione complessiva del Paese; l’istituto di statistica nelle sue previsioni demografiche calcola che questa percentuale si potrebbe ridurre al 29 per cento al 2065, se le attuali tendenze continueranno.

milano 11 miliardi centro-sud 2
L’emigrazione (Il Messaggero, 13 novembre 2019)

Leggi anche: L’accordo tra socialisti e Podemos per il governo in Spagna