Politica

Susanna Ceccardi dice che oggi non ha senso definirsi antifascisti

La candidata della Lega alla presidenza della Regione Toscana parla a tutto campo di  politica: dice no al MES, si professa ammiratrice di De André come Salvini, spiega perché non si dimetterà da europarlamentare dopo le ripetute figuracce di Lucia Borgonzoni in Emilia-Romagna e parla anche di antifascismo e Casapound

susanna ceccardi chiuhauah

Susanna Ceccardi, eurodeputata e candidata della Lega alla presidenza della Regione Toscana, rilascia oggi un’intervista all’edizione fiorentina di Repubblica nella quale parla a tutto campo di  politica: dice no al MES, si professa ammiratrice di De André come Salvini, spiega perché non si dimetterà da europarlamentare dopo le ripetute figuracce di Lucia Borgonzoni in Emilia-Romagna e parla anche di antifascismo e Casapound:

Lei è antifascista?
«Io sono anti ideologica. Vengo anch’io dalla storia rossa, sono nata nel 1987 ma ho una famiglia di tradizione di sinistra, il fratello di mio  nonno era un partigiano e fu ucciso dai fascisti. Non sono né fascista né antifascista, aveva un senso la domanda allora, nel 1944. Oggi è troppo facile dirsi antifascisti con un nemico che non esiste. Sono dalla parte dei temi».

E perché non è dalla parte di Imagine, che è un inno al pacifismo?
«Nella pace si prospera, ma gli antifascisti del 1944 erano pacifisti o  no? Quando devi guadagnarti la libertà devi combattere. Se parliamodi musica, io amo De Andrè».

Giani si ispira a Pertini, lei?
«Il mio modello politico sono i combattenti per i diritti. Da Bobby Sands a Gandhi, da cui ho tratto la frase del percorso politico: prima ti ignorano, poi vinci. Anche Giani mi ignora, dice che l’avversario è Salvini. Qualcuno dice che ho pagato un attore di colore 50 euro per arrostire un gatto di peluche a Campiglia Marittima, per altri avrei detto che i puffi sono comunisti. Tutte fake».

Non è lei che usa la Bestia di Salvini sui social?
«No tutta roba mia. Ho sponsorizzato la mia pagina Facebook durante le elezioni europee ma i miei post sono  autoprodotti. Magari ricondivisi, ma non c’è una regia».

susanna ceccardi asilo aquilone figlia kinzika

Perché ha ritirato sua figlia dal nido se era tutto in regola?
«Kinzica avrà un anno a settembre, non mi faceva piacere fosse guardata come la figlia di. Io ho ragionato da genitore non da politico, conosco quell’asilo pubblico e mi piaceva l’idea che andasse lì. Non è vero che avrei rubato il posto a qualcuno perché da quando governa la Lega a Cascina le liste d’attesa vengono esaurite: chi resta fuori prende il contributo per andare al privato. Ora ci manderò anche mia figlia, almeno  evito le polemiche».

Perché non si dimette da europarlamentare?
«Giani si è dimesso da presidente del Consiglio regionale? Anche lui dovrebbe allora. Io mi candido a governatrice, non all’opposizione. Se perdo torno nel ruolo per cui mi hanno eletta. La mia collega Bonafè manco si è messa in partita per tenersi la poltrona in Europa, io sì».

Lei è molto cattolica ma convive, ha una figlia e non è sposata: non è una contraddizione?
«Per sposarmi attendo una proposta che non è ancora arrivata…».

Accetterebbe voti di Casapound?
«Il voto è libero e segreto. A nessuno viene chiesto censo, orientamento sessuale, religioso o politico prima di entrare in cabina elettorale».

Candiderà volti di sinistra nelle sue liste civiche?
«Perché no?»

Leggi anche: Lucia Azzolina che salta la fila al check in dell’aeroporto