Politica

Susanna Ceccardi e Imagine di John Lennon canzone marxista

Ieri a In Onda è tornata a parlare di uno dei suoi capisaldi politici: il comunismo intrinseco di Imagine di John Lennon. Ceccardi ieri sera ha spiegato che la canzone ha un’ispirazione marxista, come del resto disse il suo stesso autore

Susanna Ceccardi ieri a In Onda è tornata a parlare di uno dei suoi capisaldi politici: il comunismo intrinseco di Imagine di John Lennon. Ceccardi ieri sera ha spiegato che la canzone ha un’ispirazione marxista, come del resto disse il suo stesso autore. Su Facebook la candidata alla presidenza della Regione Toscana ha ribadito il concetto:

Alcune persone di sinistra son così, non puoi toccargli i loro mostri sacri. Io che appartengo culturalmente all’area liberale invece metto in discussione tutto, e mi piace cercare la verità, anche se non piace. Immagina…

susanna ceccardi imagine john lennon 1

Nella costruzione del messaggio politico di Ceccardi si possono notare una serie di particolarità rispetto a quello tradizionale della Lega: da quando ha cominciato la sua campagna l’ex sindaca di Cascina ha deciso di “spingere” su un messaggio più a-politico possibile: ha dato solidarietà all’educatore gay, ha accusato di sessismo il suo avversario politico nonostante i mille esempi di sessismo nel Carroccio e oggi non dice “La sinistra è così”, ma “alcune persone di sinistra sono così”. In più, fa sapere di essere una “liberale”, cosa che Salvini non dice molto spesso. Come mai questa moderazione? Si spiega con la campagna elettorale: la Lega ha una chance di vincere se riesce a fare breccia in un elettorato tradizionalmente “di sinistra”. In questo senso la domanda su Imagine non è per nulla gradita perché la spinge a ribadire quello che ha detto qualche tempo fa – rimangiarselo avrebbe un effetto peggiore – ma i distinguo presenti nel suo discorso politico fanno capire che l’obiettivo è un altro ed è piuttosto scoperto. Chissà se i toscani ci cascheranno.

Leggi anche: Gli esperti di Zaia leggermente arrabbiati con Crisanti: «Sciacalli e zanzarologi non meritano risposta»