Politica

Il meraviglioso discorso di Aboubakar Soumahoro a Giorgia Meloni alla Camera | VIDEO

neXt quotidiano|

Soumahoro Meloni

Aboubakar Soumahoro si rivolge a Giorgia Meloni durante il suo discorso alla Camera

«Lei, presidente Meloni dice di provenire dai bassifondi dell’underdog, ma anche io provengo da lì. Le voglio ricordare che italiani si nasce ma anche si diventa», ha detto il deputato Aboubakar Soumahoro dell’Alleanza Verdi-Sinistra, intervenendo oggi alla Camera, che oggi alle 19 voterà la fiducia al governo guidato da Meloni. Soumahoro  ha fatto riferimento alla frase pronunciata da Giorgia Meloni nel suo discorso tenuto questa mattina: «Non sono certo arrivata fin qui fra le braccia di un contesto familiare e di amicizie influenti. Rappresento ciò che gli inglesi chiamerebbero l’underdog. Lo sfavorito, per semplificare, che per affermarsi deve stravolgere tutti i pronostici. Intendo farlo ancora», ha detto Meloni.

«Vogliamo parlare a nome di chi conosce la fame, la fatica e il sudore, di chi è precario, sfruttato, marginalizzato, ma vogliamo parlare anche a nome di chi porta sulla propria pelle le cicatrici della discriminazione o di chi ha un diverso orientamento sessuale, una diversa provenienza geografica, di chi lavora per mandare avanti l’Italia e si trova senza servizi, di chi vive in città dormitorio, di chi lavora ma non riesce a mandare avanti la famiglia, di chi è costretto a migrare, come i nostri giovani, o di chi viene nel nostro Paese», ha continuato Soumahoro dopo aver citato Giuseppe Di Vittorio, che è stato un sindacalista e politico italiano figlio di braccianti agricoli. Anche Soumahoro è stato sindacalista ed è noto per le sue campagne e per il suo impegno nell’ambito della politica per difendere i diritti delle persone migranti e dei braccianti agricoli. «Un cafone, in quest’aula, di nome Giuseppe Di Vittorio, disse che la fame, la fatica e il sudore non hanno colore. Oggi da cafone voglio parlare di chi, fuori da quest’aula, conosce la fame, la fatica e il sudore», ha detto Soumahoro durante il suo discorso di oggi.