Politica

Francesca Pascale e le altre: tutti i soldi che Silvio ha regalato

I conti di tutti i soldi che Silvio Berlusconi ha dato alle sue ex o alle donne e agli uomini che per vari motivi hanno incrociato il suo cammino

francesca pascale silvio berlusconi marta fascina

Tommaso Labate sul Corriere della Sera oggi si esercita in un’impresa che ha del titanico: cerca infatti di fare i conti di tutti i soldi che Silvio Berlusconi ha dato alle sue ex o alle donne e agli uomini che per vari motivi hanno incrociato il suo cammino. La cifra totale censita viaggia verso i 75 milioni ma è inattendibile perché non si conoscono ad esempio gli emolumenti dati alla prima ex moglie Carla Dall’Oglio nel 1985. Sarebbero invece venti i milioni di buonuscita elargiti a Francesca Pascale, più uno all’anno per il mantenimento. E le altre?

Dal 2010 a oggi, tra sentenze del tribunale poi cancellate e «prestiti infruttiferi», sono cinque le persone a cui Berlusconi ha elargito assegni con un importo superiore ai sei zeri. Dalla seconda moglie Veronica Lario, rispetto a cui l’ex premier ha rinunciato a un credito di 46 milioni di euro figlio di una sentenza di divorzio poi smontata dalla Cassazione (va detto che Lario, nell’accordo finale, ha rinunciato a chiedere un credito di 18 milioni nei confronti della controparte).

francesca pascale soldi berlusconi ex
Francesca Pascale, Veronica Lario e Carla Dall’Oglio (Corriere della Sera, 24 luglio 2020)

Ma non c’è soltanto il club dei sei zeri, che negli ultimi anni alleggerisce il portafoglio berlusconiano di una cifra superiore ai 70 milioni di euro. Ci sono anche i prestiti, diciamo così, più leggeri. «La persona più generosa del mondo», come l’ha chiamato la sua storica segretaria Marinella Brambilla testimoniando nel febbraio scorso al tribunale di Bari, ha prestato nel 2011 30 mila euro all’imprenditore Gianpaolo Tarantini tramite Valter Lavitola.  Dieci volte tanto porta a casa, sempre dai conti correnti berlusconiani, l’ex consigliere regionale Nicole Minetti, arrivando a incassare per parecchi mesi (dal 2014 al 2016) una specie di stipendio mensile di 15 mila euro. Più 65 mila euro che arrivano alla fine del 2015. Soldi che vanno ad aggiungersi ai quasi trecentomila euro versati alle olgettine (guidava la classifica Alessandra Sorcinelli con 130 mila euro in tre bonifici).

Leggi anche: La senatrice che sbatte in faccia a Salvini e ai sovranisti tutte le fregnacce dette sui recovery fund