Opinioni

Serena Grandi è pronta per “un ruolo istituzionale” con Salvini e Borgonzoni

Serena Grandi, attrice che sembrava aver spuntato un posto in lista con la Lega e con Lucia Borgonzoni alle elezioni regionali dell’Emilia-Romagna, nonostante qualche sciocchezzuola come le citazioni in tribunale per non aver pagato il conto al resort di lusso, non ci sarà. Ma a quanto pare le sue ambizioni sono più alte, come racconta lei stessa oggi in un’intervista a Tommaso Rodano sul Fatto Quotidiano:

Mi piacerebbe occuparmi di donne, politiche civili.

Ah! Vuole un posto da assessore in Giunta!
Potrebbe essere. Un ruolo sulle Pari opportunità. Ma anche nella Film Commission o nel Teatro. Pure Lucia (Borgonzoni,ndr) sioccupava di questo, prima. E quindi vediamo, vediamo.

Come è nato questo colpo di fulmine per Salvini?
Mi piace la cultura e l’identità che vuole ridare a chi non ce l’ha più.

serena grandi

Volevo dirle questo. Io sostengo la Borgonzoni, credo in lei. La mia indecisione è per un fatto di verità: entrare in politica senza un minimo di preparazione… vorrei metabolizzare il tutto. E trovare il giusto ruolo istituzionale.

Intanto la sua possibile candidatura ha fatto scalpore. 
Ma lo sa che sono stata quarta in Twitter? Per gli hashtag! È contenta? Un po’mi spaventa. Ma devo essere all’altezza. Non mi interessa sparare in alto il mio nome, che è un grosso nome, per due giorni e basta. Bisogna trovare il giusto ruolo.

Leggi anche: Così i giudici smontano il decreto Salvini