Opinioni

Se Casaleggio chiede soldi si avvicinano le urne?

“Ciao, ci risulta che non hai ancora completato le rendicontazioni fino a maggio 2019. Nel dettaglio, non risultano da te completate le rendicontazioni dei mesi di gennaio, febbraio, marzo, aprile e maggio. La scadenza per farlo era il 31 luglio. Ti preghiamo pertanto di provvedere al completamento dei mesi indicati entro il 2 settembre in vista di eventuali elezioni e dei relativi controlli da farsi per le candidature”. Questo è il testo della mail che stanno ricevendo in queste ore i parlamentari del MoVimento 5 Stelle non in regola con i versamenti da Rousseau, la creatura di Davide Casaleggio. Una mail che ha fatto pensare alla possibilità che anche il M5S spinga per le elezioni a breve. Ma forse questa è un’interpretazione forzata.

davide casaleggio

È vero infatti che il richiamo alle elezioni è ben presente e visibile all’interno della mail, ma è anche vero che proprio il fatto che oggi i grillini si trovino in una posizione attendista – e quindi non si siano ancora spaccati su un’eventualità di alleanza invece che un’altra – potrebbe invece spingere i vertici di Rousseau ad accelerare nel richiedere il saldo delle quote, visto che domani chissà cosa potrebbe succedere. La scelta di Casaleggio & Co. anzi pare proprio un modo per tutelarsi in vista (eventuale) di ulteriori scossoni, anche perché c’è una frangia piuttosto numerosa che le contesta apertamente. Magari il M5S alla fine farà saltare il banco del governo con il PD o non accetterà la proposta di un governo di legislatura fatta oggi da Zingaretti, ma non è questa la pistola fumante della volontà grillina.

Leggi anche: La parabola di Salvini, da genio della politica a pippa padana

Mario Neri

Mario Neri è uno pseudonimo. La foto di Cattivik che usa come immagine del profilo lo rappresenta pienamente