Politica

Vuoi diventare leghista vero? Paga 250 euro

La Scuola di Formazione Politica della Lega sbarca a Napoli dopo Milano. Poi toccherà a Roma e alla Calabria

lega trivelle

Una classe di 60 alunni per la scuola di formazione politica della Lega che si svolge a Napoli (o tempora! o mores!), che è il secondo capoluogo, solo dopo Milano, dove è partita la scuola di formazione che, a breve, sbarcherà anche a Roma e in Calabria. La storia la racconta Il Mattino in un articolo a firma di Adolfo Pappalardo:

A introdurre la mattinata di lezioni in «comunicazione politica e principi di militanza» è Gianluca Cantalamessa, deputato e coordinatore regionale del partito di Salvini, mentre dietro la cattedra c’è il senatore toscano Manuel Vescovi. Porte rigorosamente chiuse e dispense spedite al singolo discente solo tra qualche giorno.

«No scusate, ma il corso è a pagamento e in sala rimangono solo gli allievi altrimenti non sarebbe giusto», avverte Fabiana Gardini, ferrea coordinatrice dei corsi che si terranno da qui a marzo con la chiusura affidata ad Armando Siri, il sottosegretario che con Salvini ha ideato il progetto. In totale 8 lezioni al costo di 250 euro totali.

salvini casalino slide

La prima giornata di formazione verte su comunicazione politica e nuovi media. E Vescovi, in 4 ore di percorso formativo, si dilunga in osservazioni su come parlare in pubblico sino a dettagli minimi come la gestualità. Mettendo in risalto, è ovvio, il modello Salvini che privilegia i social rispetto ai media tradizionali. E sull’esaltazione delle felpe o dei pranzi fatti in casa da Salvini e postati sui social sentenzia: «È un modello per distinguersi dagli altri politici».

Incita a tenersi pronti perché dopo le Europee tutto potrebbe cambiare e lo scenario di elezioni anticipate non è fantapolitica. Ma ci tiene a mettere in guardia dai giornalisti. «Se ci sono fratture – avverte – all’interno del partito, del gruppo, mai parlare con loro». Avvertenze alla futura classe dirigente leghista.

Leggi sull’argomento: Giuseppe Palazzo: chi è l’uomo che ha urlato “Elimina Saviano”