Politica

Scontro in diretta tra Calenda e Costamagna a Cartabianca: "Questa è un'aggressione" | VIDEO

@Asia Buconi|

È stato scontro frontale l’altro ieri su Rai 3 a Cartabianca tra il leader di Azione Carlo Calenda e la giornalista Luisella Costamagna, ospiti entrambi nella trasmissione condotta da Bianca Berlinguer. Oggetto del dibattito, il Terzo Polo, nello specifico l’alleanza con Renzi che, secondo la giornalista, Calenda in passato avrebbe rinnegato più volte e in diverse occasioni. Il segretario di Azione, al termine di un lunghissimo botta e risposta con Costamagna, ha sbottato in diretta: “Sono venuto per rispondere alle domande. Questa non è una domanda, il modo in cui la pone è un’aggressione”.

Scontro tra Carlo Calenda e Luisella Costamagna a Cartabianca: “Questa è un’aggressione”

Non è stato semplice per Carlo Calenda districarsi dalle domande scomode di Luisella Costamagna. La giornalista ha continuato a chiedere conto al leader di Azione delle frasi da lui pronunciate in passato su Renzi (non certo lusinghiere) e lui ha risposto: “Io non ho mai detto che non avrei fatto un governo con Matteo Renzi e non avrei mai avuto problemi con lui, ci ho lavorato con Renzi. Il Movimento 5 Stelle ha detto ‘noi non faremo mai un governo insieme a quelli che rubano i bambini’ e un mese dopo stavano al governo con loro. Io ho detto quelle frasi in una frattura profondissima con Renzi, primo sul governo del M5S, secondo sulla questione delle consulenze, che ci divide ancora. Io non prendo nessun tipo di consulenza da nessuno fino a che faccio politica, che sia privato, pubblico, straniero o italiano”.

“Però lei aveva chiesto a Renzi di abbandonarle le consulenze”, la risposta di Bianca Berlinguer. “No, io avevo detto che secondo me sbagliava a farle e lo ribadisco. Lui risponde invece che questa cosa è lecita e lo è per la legge, io sono disponibile domani mattina a votare una cosa che la vieti, non ho cambiato idea su questo”.

Ma Costamagna ha ricordato con esattezza le frasi del leader di Azione (che parlava di un modo di fare politica di Renzi che gli “faceva orrore”), il che, unito a certe domande sull’Agenda Draghi, ha fatto scaldare Calenda che ha quel punto ha sbottato: “Se vogliamo parlare mi deve lasciar rispondere. Lei ha parlato tanto, lei dovrebbe fare delle domande e io dovrei poterle rispondere. Sono venuto qui per rispondere a delle domande, ma così è un’aggressione, il modo in cui lei lo pone è chiaro”. Berlinguer ha quindi provato a smorzare i toni: “Siete troppo vicini!”.

“A Cartabianca, tra Costamagna, Corona, Travaglio e Orsini. Mi sono mancati un poco Scanzi, Padellaro e la De Cesare. Sarà per la prossima”, questo il commento di Carlo Calenda su Twitter il giorno dopo l’ospitata.