La macchina del funky

«Ho saputo di incontri tra Salvini e Di Maio»

salvini di maio

“Io ho saputo di più incontri tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio per un’ipotesi di governo antisistema. Me lo ha detto una persona che l’ha sentito dall’uno e dall’altro, uno che non fa politica e che ha ricevuto questa confidenza da entrambi”. A dirlo è il senatore di Alternativa Popolare Gabriele Albertini ospite del programma di Rai Radio1 “Un Giorno da Pecora”. L’intervista viene trascritta e riportata oggi da Repubblica:

Chi glielo ha detto, senatore?
«Una persona seria, che non fa politica però».
E questa persona come lo sa?
«Ha ricevuto una confidenza diretta da entrambi, Salvini e Di Maio. Ma non mi faccia dire altro però. Anche perché è una vicenda di qualche mese fa».
Sapeva invece di questo incontro tra Casaleggio e Salvini?
«L’ho letto. Personalmente non ci trovo nulla di strano. La politica è fatta di questo, di parlarsi, incontrarsi, quasi una necessità professionale direi. Sarebbe interessante capire di più di cosa si sono detti magari».
Ma perché secondo lei ci sono state queste reazioni così virulente alla notizia?
«Sia M5S che Lega hanno delle posizioni identitarie. Soprattutto i primi che hanno fondato la loro stessa esistenza sul non avere connessione con il sistema. Normale che crei imbarazzo».

gabriele albertini
La Stampa invece parla di colloqui privati nei corridoi tra leghisti e grillini per la definizione di un patto:

Che fosse in definizione un patto tra M5S e Lega Nord in vista del voto, era cosa nota solo a poche persone al vertice grillino. Per la precisione, a un patto vero e proprio si sarebbe arrivati solo in caso fosse andata in porto la legge elettorale tedesca. Leghisti e 5 Stelle, però, erano nel pieno delle trattative nel timore che si profilasse un’alleanza di governo tra Silvio Berlusconi e Matteo Renzi. Era il Senato il centro di questi negoziati fatti di colloqui privati nei corridoi.
A condurli per conto del M5S finora è stato Vito Crimi, ex capogruppo, siciliano trapiantato a Milano, uno degli uomini più vicini a Davide Casaleggio e dato in ottimi rapporti con il collega leghista Giacomo Stucchi, presidente del Copasir, di cui il grillino è membro.

Leggi sull’argomento: Tutta la storia di Davide Casaleggio, Salvini e Repubblica