Attualità

Salvini parla e “Immacolata Contraccezione” viene annullata. Coincidenze?

immacolata contraccezione party bologna - 6

È una di quelle iniziative per le quali la destra ultra cattolica ci va a nozze. Alcuni collettivi studenteschi e LGBT (Link, La Mala Educacion, Uni LGBTQ e Rethink – Collettivo di Economia) avevano organizzato un party dal nome “Immacolata Contraccezione” con tanto di immagine della Madonna circondata da preservativi svolazzanti. Ma come è noto in Italia è la Lega che detiene il monopolio per lo sfruttamento dell’immagine della mamma di Gesù. Solo Matteo Salvini può esibire rosari, santini, consacrare il Paese al Cuore Immacolato di Maria oppure farsi latore dei messaggi della Madonna di Medjugorje.

L’Università di Bologna annulla l’evento sull’Immacolata Contraccezione

A tutti gli altri non è concesso. Anzi, chi nomina la Madonna invano (vale a dire senza fini politici) si deve vergognare. Ieri il senatore Simone Pillon ha parlato di «gente senza ideali, che porta avanti solo cattiveria, provocazioni, insulti e blasfemie disgustose». Il blogger Matteo Montevecchi (che cura la pagina Facebook di Pillon) ha scritto che i collettivi universitari sono «gli odiatori di professione. Siete voi i primi ad offendere milioni di cattolici di questo paese, due giorni prima della Festa dell’Immacolata» con un party che si propone di “mettere al bando la verginale santità mariana”.

immacolata contraccezione party bologna -2

Per Salvini invece «questa non è satira, questa è una vergogna». Stessa frase usata per criticare la locandina del Vernacoliere che lo prendeva in giro per i suoi contatti mariani. Nessuno però si è preoccupato di informare i collettivi universitari che la festa dell’Immacolata Concezione non riguarda la verginità della Madonna (o meglio: il concepimento virginale di Gesù) ma il fatto che sia stata concepita (la Madonna) senza peccato. Insomma, la battuta sull’Immacolata Contraccezione non ha alcun senso per un cattolico (per gli altri cristiani questo dogma non esiste).

immacolata contraccezione party bologna -1

Ma dal momento che l’evento – previsto per questa sera 6 dicembre – nei locali universitari di via Filippo Re  in uso al “Lab deriva” l’Università ha fatto annullare l’iniziativa che tanto scandalo e indignazione ha suscitato tra i custodi dell’ortodossia che applaudivano come eroi quelli che buttano nel Tevere le statue blasfeme e che riscrivono il Vangelo e gli insegnamenti di Cristo a loro piacimento.

L’evento alternativo: preservativi contro i cattivi

Non è finita qui, perché evidentemente stimolati dalla reazione leghista gli stessi collettivi hanno lanciato un’altra iniziativa dal nome “preservativi contro i cattivi” che si terrà oggi proprio negli stessi locali dove avrebbe dovuto avere luogo l’evento sull’immacolata contraccezionesi legge in un comunicato di LabDeriva. Sull’onda delle polemiche – «l’Università ha trovato un cavillo burocratico per annullarci l’iniziativa: in fondo non sia mai che qualcun* ad una festa come la nostra avesse potuto parlare di sessualità consapevole e delle conseguenze del sesso non protetto a una giovane Maria di Nazareth, la donna nella relazione poliamorosa più famosa di tutti i tempi che ha avuto “addirittura” un figlio fuori dal matrimonio: chissà, magari avrebbe anche apprezzato!».

immacolata contraccezione party bologna - 4

Ma su cos’era il “party blasfemo”? Nient’altro che una conferenza/festa sul tema della contraccezione gratuita in università. Poco più di un anno fa alcuni collettivi universitari (tra cui proprio La Mala Educacion) avevano presentato in Consiglio Studentesco una mozione «per offrire in università la contraccezione gratuita sotto i 26 anni, così come approvato dalla giunta regionale». Come aveva scoperto Vice però ottenere i contraccettivi gratuiti sembra essere un percorso ad ostacoli.

immacolata contraccezione party bologna - 5

Per protesta contro i “cattivoni” allora i collettivi invitano ad una shitstorm a base di GIF e immagini sul tema contraccezione: «quindi muniamoci di preservativi, pillole o qualunque contraccettivo vi venga in mente (o meglio della loro versione fotografica) e infestiamo le bacheche online e le mente dei cattivoni bigotti con qualcosa con cui non hanno molta familiarità». Chissà cosa diranno questa volta Salvini &co.

Leggi anche: #Siamotutticustodi: il caso di Bazzano e le promesse non mantenute di Salvini sulla legittima difesa