Politica

Salvini contro Grillo per la battuta sulla pillola

Matteo Salvini contro Beppe Grillo per la battuta sulla pillola che avrebbe dovuto prendere sua madre invece che concepirlo. Il leader della Lega in un’intervista alla Stampa oggi risponde al Garante del MoVimento 5 Stelle:

Sempre per la serie «cortesie fra alleati», Beppe Grillo ha detto che la sera in cui lei fu concepito, mamma Salvini avrebbe fatto meglio a prendere la pillola.
«Se voleva far ridere, credo che non ci sia riuscito. A me personalmente non fa ridere, di certo non fa ridere mia mamma e credo non faccia ridere nessuno. Ma del resto Grillo non fa ridere, è triste. Proprio come Fabio Fazio, solo che almeno Grillo non è pagato con i soldi pubblici. E in ogni caso Grillo non è un parlamentare».

Ma un politico, sì.
«Con quella battuta non ha espresso una posizione politica. Ha espresso soltanto una posizione idiota».

Resta il fatto che dentro la Lega l’unico a credere davvero a questo governo è lei.
«Io bado ai fatti. Siamo forze diverse che hanno un programma condiviso. Alcune priorità le abbiamo già portate a casa, dallo stop all’immigrazione alla flat tax. Altre, come la legittima difesa, l’autonomia regionale, la riforma fiscale e quella della giustizia, no, ma ci stiamo lavorando».

grillo salvini farage marine le pen

La Tav vale una crisi di governo?
«Di crisi non voglio nemmeno sentir parlare. È da quando il governo ha giurato che se ne blatera. Invece il governo è lì, fa e fa bene. Per il resto, la politica è l’arte del confronto e della mediazione».

Detta da lei, questa considerazione è una sorpresa. Oppure una battuta.
«È la stessa sorpresa che qualche giornalista proverà il 27 maggio prossimo, quando scoprirà che sarà proprio la Lega a salvare l’Europa invece di distruggerla. Beninteso, cambiandola radicalmente».

Leggi sull’argomento: La Jena, La Stampa, Salvini e la cocaina