Opinioni

Salvini è fatto così: prima si arrabbia per la bufala della Polizia che controlla le feste private e poi si lamenta perché è una bufala

Il DPCM Coronavirus varato ieri sera prevede una forte raccomandazione alle feste private. Si consiglia di non ospitare più di sei persone non conviventi, e già la parola consiglio indica che non c’è nessuna sanzione se non lo si segue. Salvini, dopo che per tutto il giorno invece una frase del ministro Speranza a Che tempo che fa aveva fatto pensare invece a segnalazioni con conseguenti controlli delle forze dell’ordine, ha continuato a creare confusione quando ormai era chiaro che si trattava di qualche parola uscita male. In pratica il leader della Lega ha rilanciato con post e video la bufala della polizia che ti entra a casa se fai una festa.

salvini feste private

Poco fa Conte in diretta ha chiarito per l’ennesima volta come stanno le cose: “I locali chiuderanno alle 24: dalle 21 si potrà solo consumare ai tavoli e non si potrà più consumare fuori per evitare assembramenti. Discoteche e sale da ballo il governo non le ha mai aperte: resteranno chiuse. Nei locali pubblici non saranno più consentite feste a meno che non siano connesse a cerimonie come matrimoni o battesimi e anche in questi casi con il limite di trenta partecipanti”, ha spiegato aggiungendo in particolare sulle feste nelle case private: “Non manderemo le forze di polizia nelle abitazioni private, però dobbiamo assumere comportamenti prudenti per gestire la fase” e “Dobbiamo migliorare i comportamenti anche in abitazioni private, l’evoluzione della curva si è innalzata soprattutto per dinamiche in ambito famigliare e amicale. Dobbiamo indossare mascherine se ci si avvicina a persone fragili, se si ricevono ospiti e vi invitiamo a limitare il numero di ospiti non più di sei e di non svolgere feste e party in casa, sono situazioni di insidie pericolose”. E Salvini che fa? Invece di chiudere la questione si lamenta:

salvini bufala feste private polizia

Ma come: sono ore che non fa altro che dire che è una cosa senza precedenti, anche se sapeva già che non era vero, e adesso fa polemica? Proprio lui che andava a citofonare alla gente per chiedere se spacciava?

Leggi anche: Salvini e la fregnaccia del vaccino antinfluenzale garantito in Lombardia ai soggetti fragili

Mario Neri

Mario Neri è uno pseudonimo. La foto di Cattivik che usa come immagine del profilo lo rappresenta pienamente