Attualità

A Torino hanno paura di una Sea Watch di cartone

torino presidio sea watch 3

A Torino i cittadini trascorrevano da tempo la notte sul sagrato della centralissima chiesa di San Dalmazzo per chiedere al governo di «aprire i porti». Carovane Migranti, il collettivo che ha organizzato l’iniziativa – a cui partecipano circa venti persone a notte – si è mosso in solidarietà con la mobilitazione in corso da giorni sul sagrato della Chiesa di San Gerlando a Lampedusa. Ieri però il presidio è stato sgomberato.

Il presidio per la Sea Watch a Torino sgomberato (con nave distrutta)

Il presidio è stato sgomberato ieri dalla polizia mentre la nettezza urbana ha distrutto e portato via un modellino della Sea Watch. Negli scorsi giorni era stato lo stesso arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, a mobilitarsi per la vicenda Sea Watch, offrendo, nel corso della messa in Duomo per le celebrazioni di San Giovanni, la disponibilità della diocesi ad accogliere i migranti «a spese nostre, senza alcun onere per lo Stato». Ma la mano tesa non è mai stata raccolta dal Viminale, che sembra anzi intenzionato a redistribuire i profughi tra i cinque Paesi europei che venerdì si sono fatti avanti.

Ieri sera è poi arrivato lo sgombero.

Leggi anche: Perché la legge è dalla parte di Carola Rackete