Opinioni

Roberta Lombardi non vuole Di Maio nel governo PD-M5S

In un’intervista rilasciata oggi al Fatto Quotidiano, Roberta Lombardi fa sapere che Luigi Di Maio dovrebbe fare un passo indietro e anche che non è il caso di votare l’eventuale intesa su Rousseau:

Zingaretti ha detto che Giuseppe Conte non può tornare a Palazzo Chigi, mentre Di Maio per lui potrebbe far parte del governo. Potendo scegliere chi terrebbe? Conte è essenziale?
Vorrei che ci concentrassimo più sulle cose da fare che sui nomi. ‘Siamo tutti indispensabili ma nessuno è insostituibile’, diceva Gianroberto Casaleggio. Dopodiché il presidente Conte, che non è mai stato iscritto al Movimento, si è costruito una grande credibilità anche a livello internazionale. È una risorsa del Paese, che va valorizzata.

E Di Maio?
Ritengo che i nomi di primo piano di Pd e M5S non dovrebbero fare parte di un eventuale nuovo governo. Potrebbero essere divisivi. Ora servono responsabilità e coraggio.

roberta lombardi inchiesta parnasi ferrara stadio roma - 2

Ma la vostra base come potrà accettare un accordo con i dem, “il partito delle banche” come urlate da anni?
La nostra gente ha mostrato sempre di avere senso pratico. L’accordo con il Pd stavamo per farlo anche nel 2018, poi Renzi lo fece saltare. Ma anche la Lega era quella dei 49 milioni euro di rimborsi pubblici spariti e che amministra Comuni e Regioni con Berlusconi. Però gli iscritti ci dissero di andare avanti, per realizzare il programma.

L’accordo va votato sulla piattaforma Rousseau?
Sarebbe nelle nostre corde. Però comunicare in pochi giorni il senso e i punti di un ’intesa così complessa, perché giustamente il Quirinale ha fretta di mettere in sicurezza il Paese, non mi pare facile. Bisognerà valutare.

Leggi anche: Zingaretti e Di Maio, la cena delle beffe

Mario Neri

Mario Neri è uno pseudonimo. La foto di Cattivik che usa come immagine del profilo lo rappresenta pienamente