Cultura e scienze

Renzi prepara l’esordio in tv su Mediaset

renzi biliardino orfini

L’esordio da conduttore tv per Matteo Renzi si avvicina. Dopo gli annunci (esagerati) sull’abbandono della politica per la tv, il senatore di Scandicci concretizza la sua idea di un documentario storico su Firenze: l’ex premier avrebbe un paio di mesi di “girato” che Lucio Presta – il manager televisivo patron di Arcobaleno 3 cui l’ex sindaco si è affidato per trovare compratori – sta facendo visionare ai possibili acquirenti. Tra cui c’è Mediaset. Racconta oggi Il Fatto:

ALL’INIZIO SI PARLAVA anche di Sky e di Discovery. Ora però l’attenzione, per l’Italia, si è concentrata su Mediaset. “Ci hanno contattato, stiamo valutando, siamo molto interessati”, aveva detto Pier Silvio Berlusconi mercoledì scorso alla presentazione dei palinsesti televisivi Mediaset della prossima stagione. A Cologno, però, spiegano che, rispetto a quelle parole, non ci sono novità.

“Il programma interessa e anche parecchio, ma non ci sono ulteriori sviluppi e soprattutto non è stato ancora visionato alcun materiale”, fanno sapere. Insomma, non c’è una puntata-pilota. Fatto che viene confermato anche dal portavoce di Renzi, Marco Agnoletti. “Matteo ha girato molto poco, due o tre giorni al massimo, a giugno, prima del 24, quando a Firenze c’è stata la rievocazione del calcio storico. Non credo abbia materiale per mettere insieme una puntata”, fa sapere Agnoletti.

lucio presta matteo renzi

Da Arcobaleno 3, la società di Presta, invece, bocche cucite. Quel che è certo, però, è che non ci sarà solo Mediaset: Presta è in trattativa per vendere il programma anche ad altri 7-8 Paesi europei.

PIÙ SICURA è invece la natura del programma: Renzi andrà in giro per la città facendo da divulgatore e illustrando i tesori artistici e monumentali. Prenderà per mano il telespettatore per accompagnarlo alla scoperta della città dei Medici. Con uno stile che potrebbe ricordare Alberto Angela, ma anche Philippe Daverio.

Leggi sull’argomento: Un partito così democratico che non ha il coraggio di parlare