Politica

Letta fa un “fioretto” per non parlare del viaggio di Renzi in Bahrain

Il nuovo segretario del Partito Democratico decide di non commentare la trasferta del leader di Italia Viva per seguire la Formula 1

Renzi in Bahrain

Quella faccia non mi è nuova. Lo stupore di Federica Masolin, conduttrice di Sky Sport per la Formula 1, è lo stesso che ha colpito i milioni di appassionati italiani che stavano attendendo la partenza del primo Gran Premio della stagione 2021. Quel volto, apparso improvvisamente nel paddock, risponde al nome del leader di Italia Viva. Da quel momento i social sono stati invasi da commenti di chi protestava per la presenza di Matteo Renzi in Bahrain (soprattutto in un periodo fatto di restrizioni, zone rosse e arancioni, che impediscono gli spostamenti). Enrico Letta, neo segretario del PD, ha preferito non commentare questa vicenda che si aggiunge al lungo passaporto dei viaggi di Renzi in Medio Oriente.

Renzi in Bahrain? Letta fa un “fioretto di Quaresima” e non commenta

“Ieri mi sono guardato Gran premio di Formula uno e Gran premio delle moto – ha detto Enrico Letta, ospite della trasmissione ‘Forrest’ di Radiouno Rai. Siamo in Quaresima, e ho fatto un fioretto, di non farmi trascinare in polemiche. Nessuna provocazione, quando eravamo bambini facevamo i fioretti, io sono tornato bambino”. Insomma, il segretario del Pd dribbla le polemiche parlando di un fioretto. Ma l’indignazione sui social non si è fermata. Perché oltre alle immagini mostrate in diretta da SkySport, anche il Presidente della Fia – già amministratore delegato della Ferrari – ha pubblicato una foto sul suo profilo Twitter.

L’ufficio stampa del leader di Italia Viva ha provato immediatamente a spegnere le polemiche sottolineando come il viaggio di Matteo Renzi in Bahrain non fosse a carico dei contribuenti italiani (insomma, non era lì nelle vesti di senatore). Il problema, invece, è rappresentato dal ritorno. Domani, infatti, è atteso il suo intervento in Senato. E la quarantena prevista per chi rientra da Paesi considerati a rischio, come il Bahrain?

(foto da profilo Twitter di Jean Todt)