Economia

Quando Renzi era un co.co.co.

renzi matteo renzi cococo

Ieri ci ha raccontato la storia di Marta, invece che quella di Margareth. Ma il premier avrebbe potuto anche raccontarci la storia di Matteo, visto che anche il giovane Renzi è stato un co.co.co., un collaboratore di azienda di quelli che oggi vuole difendere. C’è però un dettaglio che rende forse l’aneddoto non potabile in una televendita: l’azienda era proprio quella Chil Post SRL che oggi è costata al padre Tiziano l’indagine per bancarotta fraudolenta.
 
QUANDO MATTEO RENZI ERA UN CO.CO.CO.
Correva l’estate del 2003, l’anno prima di diventare presidente della Provincia di Firenze: Renzi è inquadrato come collaboratore nell’azienda di famiglia, la Chil Srl, prima che questa cambi nome in Chil Post SRL e tenti l’espansione a Genova. In autunno, cambia tutto, per lui e per i parenti, come racconta un vecchio articolo del Fatto quotidiano:“Il 17 ottobre 2003 il “libero professionista” Matteo Renzi e la sorella Benedetta cedono le quote della Chil Srl ai genitori; il 27 ottobre 2003, dieci giorni dopo avere ceduto il suo 40 per cento, Renzi diventa dirigente della stessa Chil Srl, amministrata dalla mamma; il 7 novembre 2003, solo 11 giorni dopo l’assunzione, l’Ulivo comunica ufficialmente la candidatura del dirigente alla Provincia; il 13 giugno 2004 Renzi viene eletto presidente e di lì a poco la Chil gli concede l’aspettativa. Da allora Provincia e Comune versano alla società di famiglia una somma pari al rimborso dei suoi contributi. Se Renzi non avesse ceduto le sue quote nel 2004, sarebbe stata una società a lui intestata per il 40 per cento a incassare il rimborso: una situazione ancora più imbarazzante di quella attuale, con le quote intestate a sorelle e mamma”. Quindi a rigor di logica si potrebbe far notare che Renzi è stato collaboratore fino a quando la sua previdenza era in carico all’azienda di famiglia. Poi, sfruttando la famosa legge, è diventato dirigente. Qualche mese dopo la sua previdenza è stata presa in carico dai contribuenti.
 
…E LE SUE PRECISAZIONI
Infine, c’è da aggiungere che nell’articolo del Fatto lo stesso Renzi fa precisare:

Le fonti vicine a Renzi precisano: “L’indicazione della candidatura alla Provincia venne anticipata a novembre per sbloccare la candidatura del sindaco Domenici ma era condizionata all’accordo sui sindaci che si chiuse solo ad aprile. L’accostamento ad altre situazioni ben diverse è sbagliato perché Matteo Renzi lavorava davvero in Chil da molti anni”.

Lavorava davvero come collaboratore. Lavorava davvero come co.co.co. Per questo adesso è convinto di avere la soluzione in tasca per loro. E i contributi? Qualcuno ci penserà.