Economia

Reddito di emergenza e 600 euro: le incompatibilità e la domanda entro il 31 luglio

Per esempio la famiglia di un artigiano con coniuge e due figli minorenni avrà avuto un bonus Covid di 1.200 per marzo e aprile: con il Rem, invece, avrebbe messo in tasca 1.440 euro (cioè 220 euro in più)

reddito di emergenza

Italia Oggi spiega in un articolo che il reddito di emergenza (REM) non può essere chiesto dalle famiglie beneficiarie dell’indennità COVID da 600 euro. E questo rappresenta una penalizzazione. Per esempio, spiega oggi il quotidiano, la famiglia di un artigiano con coniuge e due figli minorenni avrà avuto un bonus Covid di 1.200 per marzo e aprile: con il Rem, invece, avrebbe messo in tasca 1.440 euro (cioè 220 euro in più). Il REM può essere richiesto entro il 31 luglio:

Principali destinatari sono le famiglie senza reddito, cioè composte da persone disoccupate o con un lavoro non regolare, alle quali è ampliata la possibilità di accesso a un sussidio pubblico (già prevista dallo scorso anno per il RdC) attraverso la riduzione dei requisiti, tra cui l’Isee elevato a 15 mila euro (per il RdC è di 9.360 elevato a 10 mila da luglio a ottobre), nessuna condizione sul patrimonio immobiliare né sui beni durevoli (cosa, invece, prevista per il RdC). Alla misura non possono accedere i nuclei familiari in cui sono presenti lavoratori autonomi, dipendenti e  professionisti: non perché siano lavoratori, ma perché percepiscono una specifica indennità per il Covid-19 (i 600 euro), che è una situazione incompatibile con il Rem.

Invece può avere accesso al Rem la famiglia con lavoratori dipendenti, nel caso in cui percepiscano un reddito inferiore a 400/800 euro mensili (l’importo dipende dal nucleo familiare), cosa che potrebbe verificarsi a chi percepisce cassa integrazione oppure non l’ha percepita per i ritardi di regioni e Inps o è occupato a tempo parziale. La condizione di reddito, in particolare, richiede che il nucleo  familiare non abbia intascato nel mese di aprile (secondo il principio di cassa) un reddito superiore all’importo del sussidio spettante (che va da un minimo mensile di 400 euro, per unico componente, a un massimo di 800 euro in base alla scala di equivalenza).

reddito di emergenza 600 euro incompatibilità
Reddito di emergenza: i requisiti e quanto vale (Italia Oggi, 13 luglio 2020)

I requisiti, eccetto l’Isee (per il quale serve l’attestazione Inps) sono autocertificati nel modulo di domanda ai sensi del dpr n. 445/2000. La non veridicità delle dichiarazioni comporta la revoca del beneficio, la restituzione di quanto indebitamente percepito e le previste sanzioni.

Leggi anche: Il tax credit sugli affitti commerciali